XJet commercializza l’allumina per la produzione additiva

Allumina

XJet annuncia la disponibilità commerciale di allumina, materiale che va ad aggiungersi al portafoglio di soluzioni per la produzione additiva.

L'allumina è ossido di alluminio, ed è stata scelta per lo sviluppo a causa del suo ampio utilizzo come ceramica tecnica e dell'evidente richiesta del mercato di vedere le parti prodotte con i vantaggi della produzione XJet NanoParticle Jetting.

Allumina è stato testato con successo nel corso di alcuni mesi da un cliente globale negli Stati Uniti.

Come dice in una nota di XJet il suo manager, Dror Danai, "poiché l'allumina è la ceramica tecnica più utilizzata e la più conveniente, aveva perfettamente senso introdurla come secondo materiale ceramico dopo la zirconia".

Offrendo una resistenza meccanica estremamente elevata, un'elevata durezza e un ottimo isolamento elettrico, l'allumina ha anche un'elevata resistenza all'usura, un'elevata conduttività termica e resistenza alle alte temperature.

Sia l'allumina che la zirconia sono ceramiche tecniche con un'ottima resistenza agli agenti chimici (non corrosivi), sono ottimi isolanti e sono materiali molto duri.

In quanto tali, sono difficili da lavorare con metodi tradizionali come il CNC, soprattutto dopo che sono stati sinterizzati in forma.

Ora con i sistemi di produzione additiva questa limitazione viene eliminata e i produttori possono sfruttare i vantaggi della produzione additiva, creando parti con geometrie complesse e cavità interne che in precedenza non erano possibili con le tradizionali tecnologie di produzione della ceramica.

La tecnologia XJet NanoParticle Jetting con il suo utilizzo di materiale di supporto solubile può produrre parti estremamente accurate con dettagli ultrafini e superfici lisce.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here