Il team Leavine ha portato la stampa 3D in formula Nascar

leavine

Le stampanti 3D MethodX sono utilizzate dal team Leavine per la progettazione rapida, la prototipazione e la produzione di parti personalizzate per utilizzo finale nella stagione 2020 della Nascar Cup Series, competizione automobilistica statunitense.

“Il progresso della produzione additiva è qualcosa di cui sono stato un sostenitore negli ultimi anni. Credo che cambierà il modo in cui produciamo fondamentalmente nel nostro sport ", ha detto Michael Leavine, vice presidente di Leavine Family Racing.

Leavine Family Racing ha corso con la Toyota Camry numero 95 nella NASCAR Cup Series dal 2011 al 2020.

Il team ha completato la stagione della Nascar Cup Series 2020 con un piazzamento tra i primi 20, con il concorrente Rookie of the Year Christopher Bell al volante.

Leavine ha utilizzato per anni la stampa 3D per le auto da corsa del team, scoprendo inizialmente la tecnologia quando ha cercato un approccio economico per realizzare dischi larghi un pollice usati per riempire i buchi negli splitter sulle auto (un componente aerodinamico sensibile o che offre un miglioramento delle prestazioni), invece di acquistarle da un fornitore.

I dischi stampati a iniezione costavanp in genere cinque dollari ciascuno e utilizzati solo una volta prima di essere scartati. Leavine ha acquistato online una stampante 3D di fascia bassa e ha iniziato a stampare i dischi internamente con materiale PLA, facendo risparmiare al team tra i 20.000 e i 25.000 dollari all'anno.

Successivamente, ha iniziato a esplorare altre applicazioni nelle corse con la stampa 3D, come la prototipazione di dispositivi e la fabbricazione di dispositivi.

Leavine ha selezionato la stampante 3D MakerBot METHOD X ™ per il suo impressionante portafoglio di materiali e termoplastiche avanzate disponibili sia per la prototipazione rapida che per le parti per uso finale. La capacità di METHOD di stampare a temperature estremamente elevate è stata anche un vantaggio per Leavine, che aveva bisogno di materiali ad alta resistenza e alta resistenza al calore per parti esigenti. Il team ha optato per tre stampanti 3D MakerBot METHOD X, due per il garage e una che poteva essere installata nell'ufficio di Leavine o portata in viaggio per l'uso in loco durante le gare.

“Abbiamo selezionato MakerBot METHOD X per le sue capacità avanzate, che ci hanno permesso di produrre parti migliori e più leggere molto rapidamente. METHOD è una delle unità più sofisticate sul mercato, dalla facilità di connettività, ai materiali avanzati che siamo stati in grado di utilizzare, alla camera di costruzione riscaldata che garantisce l'accuratezza e la ripetibilità di stampa ogni volta ", ha affermato Leavine.

Con l'accesso diretto e immediato alle stampanti 3D interne, i tecnici delle auto da corsa sono stati rapidamente in grado di produrre da soli prototipi e parti di uso finale, risparmiando tempo e denaro e consentendo loro di utilizzare appieno la creatività delle persone del team.

"Il nostro team aveva nuove idee, nuovi usi e il nostro uso della stampa 3D si è espanso da lì. È diventata una cosa quotidiana per noi e le nostre stampanti erano costantemente in funzione. Non ci aspettavamo che la stampa 3D diventasse una parte così integrante della nostra produzione. Di solito non producevamo le nostre parti; abbiamo sempre acquistato da venditori. Ma poi è arrivata la capacità di creare le nostre parti e ci ha aperto gli occhi per fare le cose in modo migliore, più veloce, più economico e più efficiente ", ha aggiunto Leavine. “La capacità di controllare internamente il processo di produzione, senza dover gestire fornitori in outsourcing che hanno richieste anche da altri clienti, era fondamentale. Siamo stati in grado di controllare tutto, dal processo, alla qualità delle parti e altro ancora ".

Usando METHOD, il team ha stampato pod per telecamere fittizie montate sulla coda dell'auto. La possibilità di stampare questi alloggiamenti in loco significava che non dovevano rimuovere le parti pronte per la gara dall'auto durante il processo di fabbricazione della carrozzeria, il che si traduceva in un notevole risparmio di tempo.

Il team ha anche utilizzato METHOD X per stampare il condotto di aspirazione dell'aria all'interno dell'auto, che viene utilizzato per portare aria fresca nel veicolo ed è essenziale per ottimizzare le prestazioni del pilota durante le gare. Poiché le temperature intorno al condotto possono diventare molto elevate, è essenziale che la parte sia molto robusta e in grado di mantenere la sua integrità anche a temperature estreme.

Per questa parte, il team ha utilizzato MakerBot Nylon Carbon Fiber per le sue capacità di alta resistenza e prestazioni termiche. La fibra di carbonio di nylon produce parti robuste e precise e può essere utilizzata per stampare parti di ricambio in metallo in alcune applicazioni. La camera riscaldata della stampante 3D METHOD X raggiunge fino a 110 gradi Celsius, consentendo alle parti di raffreddarsi gradualmente per evitare deformazioni e arricciature.

Inoltre, Leavine è stata in grado di testare le parti stampate in 3D molto più rapidamente che se avesse esternalizzato la produzione.

Ha osservato: “Di solito conduciamo molti test sui nostri componenti. Lo stress che poniamo su di loro può essere del 200% superiore a quello che subirebbero effettivamente in pista, permettendoci di vedere quali parti si guasterebbero e in quale punto. Se una parte critica fallisce durante una gara, può fare la differenza tra vincere e arrivare all'ultimo posto. La capacità di testare la qualità delle parti e di iterare rapidamente è importante. "

"Siamo stati molto soddisfatti della nostra collaborazione con MakerBot. Ci hanno aiutato a diventare operativi e a ottenere parti di qualità sulle auto da corsa ", ha concluso.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here