Le stampanti 3D di Eos entrano nelle università

Gli studenti di Politecnico di Torino, Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale, Università degli Studi di Milano e Università di Pisa sperimenteranno direttamente l'additive manufacturing.

EOS ha infatti consegnato quattro sistemi Sintratec per l'additive manufacturing nelle università vincitrici del concorso organizzato dall’azienda lo scorso autunno all’interno del suo Academia Program.

L’attività, che ha visto coinvolte l’Università di Pisa, l’Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale, l’Università degli Studi di Milano e il Politecnico di Torino, fa parte della seconda fase del percorso iniziato a fine agosto 2017 e che sottolinea il costante impegno del gruppo tedesco nell’ampliare il proprio programma pensato per promuovere la stampa 3D basata su polveri presso università e istituti di ricerca.

Grazie al successo ottenuto dalla prima fase del nostro Academia program, oggi abbiamo l’opportunità di supportare ancora di più le università e gli istituti di ricerca italiani, fornendo loro le attrezzature migliori e più all’avanguardia”, ha dichiarato Giancarlo Scianatico, Regional Manager per l’Italia di EOS.

Nello specifico, le università selezionate per questo secondo momento, dopo la registrazione, hanno ottenuto la possibilità di accedere in modo esclusivo ad aggiornamenti periodici sul mondo dell’additive manufacturing, ad esempio attraverso sample, white paper e varie attività pensate appositamente per il settore accademico, avendo anche la possibilità di ottenere un accesso esclusivo a tre nuovi pacchetti.

Per Carmelo De Maria, ricercatore di Bioingegneria dell’Università di Pisa, "La combinazione di formazione specializzata con l’utilizzo pratico di questi nuovi sistemi di stampa 3D consentirà a ricercatori e docenti di sperimentare in prima persona le numerose possibilità offerte da questa tecnologia e di insegnare attivamente ad altre persone le conoscenze acquisite”.

Lee università potranno aumentare la loro offerta come centri di formazione, andando a sfruttare le competenze ottenute per offrire un’ampia gamma di corsi sui principali argomenti relativi alle tecnologie di stampa 3D.

Da più di 20 anni, EOS supporta ricercatori e docenti attraverso il programma Academia e consente loro di acquistare i sistemi EOS con particolari agevolazioni e più di 300 sistemi EOS vengono già utilizzati presso università e istituti di ricerca di tutto il mondo.

Grazie ai sistemi di stampa 3D ha commentato Francesco Cavaliere dell’Università degli Studi di Milano "siamo in grado di sviluppare i dispositivi custom necessari alle nostre attività in modo rapido e dinamico. Nei prossimi anni la stampa 3D industriale diventerà parte integrante della produzione su larga scala, sia per i polimeri che per i componenti metallici".

Oltre ai propri sistemi e ai sistemi entry-level di Sintratec, EOS ha incluso nel programma vari webinar, corsi e ulteriori opzioni di formazione. Il pacchetto permette anche di sviluppare in modo più efficiente una formazione base specifica per la tecnologia AM, da cui è possibile trarre vantaggio sia per la ricerca che a scopo didattico.

A seconda delle esigenze il programma EOS Academia offre soluzioni per entrare rapidamente nel mondo dell’additive manufacturing. Per registrarsi al programma, le organizzazioni devevano essere istituti didattici riconosciuti, utilizzare i sistemi EOS per almeno il 50% dei propri corsi di formazione e non utilizzare le tecnologie a scopo di produzione commerciale. Le università registrate oltre alla ricezione di preziose informazioni gratuite, garantiranno ai partecipanti registrati al programma la scelta esclusiva di tre moduli: Freshman”, “Graduate” e “Scientist”. Gli istituti che si sono registrati entro il 20 ottobre 2017 hanno avuto la possibilità di prendere parte all'estrazione di 10 kit Sintratec offerti da EOS - di cui quattro sono stati vinti dalle sopracitate università italiane.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here