Una Micro Factory alla Design Week

In occasione della Design Week, Opendot e Wasp hanno realizzato Micro Factory – Smart Manufacturing for a Smart City, all’interno della mostra-evento “New Materials for a Smart City” promossa da Material ConneXion.

Il progetto si inserisce all’interno di Materials Village, una panoramica sulle frontiere dell’innovazione materiale per la creazione della città intelligente.

Il concetto di base del progetto è che le città, per diventare smart, hanno bisogno di risolvere il conflitto che da tempo hanno con la produzione industriale: i prodotti vengono commercializzati, utilizzati e dismessi in città, ma la produzione avviene al di fuori di esse, spesso lontano. Oggi invece diventa cruciale ripensare ad un sistema nuovo, in grado di rendere accessibile a tutti non solo la progettazione e il co-design, ma soprattutto la produzione di beni e servizi per i cittadini e le città.

La produzione deve tornare nelle città, vicino a chi la fruisce, per rendere i cittadini protagonisti del processo produttivo e le città via via sempre più autosufficienti.

Questo cambiamento è possibile solo attraverso oggetti intelligenti progettati localmente per risolvere problemi specifici attraverso tecnologie avanzate.

Micro Factory è un progetto pilota di Industry 4.0, uno Smart Lab temporaneo per produrre localmente oggetti on demand.

Protagonista è la DeltaWASP 3MT, stampante 3D in grado di stampare oggetti fino a 1 metro cubo di volume, per creare non solo oggetti, ma arredi, allestimenti, strumenti e accessori per i più svariati ambiti, dallo sport all’agricoltura.

Produzioni digitali, sperimentazioni tecnologiche e progetti parametrici per affrontare problemi locali: dall’accessibilità, al green indoor/outdoor, dall’ottimizzazione meccanica dei pezzi, all’integrazione della tecnologia negli oggetti di uso quotidiano.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here