Manufacturing 4.0, storie di successo lombarde a Mecspe

L’accelerazione dei percorsi 4.0 all’interno delle imprese italiane, confermata da Accenture, secondo cui nel 2017 sono stati investiti in abilitatori digitali più di 14 miliardi di euro, sta spingendo da un lato i protagonisti del settore ad interrogarsi sul futuro delle tecnologie di Smart Manufacturing e, dall’altro, a ricercare con sempre maggiore interesse momenti in cui fare il punto sullo stato dell’arte e sulle prospettive future dell’industria, contesti in cui lo scambio di nuove idee e la condivisione dei progetti possa far scoprire nuovi trend e nuove opportunità.

In vista della prossima edizione di Mecspe (Fiere di Parma, dal 28 al 30 marzo 2019), Senaf raccoglie le testimonianze degli imprenditori italiani per approfondire i progetti di alcune realtà che stanno tracciando una via di eccellenza nell’adesione al 4.0, partendo dalla Lombardia, e in particolare da Brescia.

La provincia lombarda, infatti, è uno dei territori che meglio rappresenta il manufacturing made in Italy e che vanta uno dei poli universitari più attivi nel supporto al futuro delle imprese manifatturiere, il Dipartimento di Ingegneria Meccanica ed Industriale (DIMI) dell’Università degli Studi di Brescia, che al suo interno ospita il Laboratorio RISE – Research and Innovation for Smart Enterprises, specializzato in attività di ricerca e di trasferimento di competenze e know-how.

Macchine transfer

Sono numerose le aziende del bresciano che hanno avviato delle fasi di studio preliminare / analisi di fattibilità volte e verificare i potenziali benefici delle soluzioni tecnologiche legate al mondo 4.0, come ad esempio la Gnutti Transfer, azienda costruttrice di macchine transfer. Un esempio di ciò che Gnutti Transfer intende per digitalizzazione è il rapporto macchina/software, che configura in modo digitale il rapporto tra operatore e macchina transfer, favorendo l’effettiva interconnettività di tutti gli operatori, le macchine e gli strumenti coinvolti nella produzione in fabbrica.

Tutte le macchine Gnutti Transfer sono equipaggiate con software HMI (trFace e iGn) che consentono ai clienti della casa bresciana la gestione completa del funzionamento del transfer: produzione, troubleshooting, manutenzione preventiva e programmata, per citare solo alcuni degli aspetti gestiti dal software HMI. Dati e sensori gestiti dal pacchetto Industry 4.0 Gnutti Transfer permetteranno sempre più, nel contesto Fabbrica Digitale, di intervenire e quindi di gestire qualunque tipo di problema o esigenza nonchè di monitorare i processi produttivi delle macchine.

Formare i giovani

Altra realtà bresciana, che ha sempre avuto una visione orientata al futuro e che sta ragionando nell’ottica di manufacturing digitale, è Feralpi Group. L’azienda, con il supporto del Laboratorio RISE, ha avviato l’iniziativa E-Farmer, che mira a identificare, selezionare e far crescere un nucleo di giovani orientati al futuro, al fine di inserirli produttivamente nel contesto aziendale. L’obiettivo principale è quello della contaminazione, nella misura in cui ci si attende che siano queste nuove leve a diffondere il “verbo digitale” all’interno dell’azienda, creando una sorta di community capace di indurre una crescita aziendale verso il paradigma della smart enterprise.

Automazione alla varesina

Sempre sul territorio lombardo un altro esempio eccellente arriva dal varesotto, ed è quello di G2 DI GHIOLDI SRL, che opera nel campo dell’automazione industriale e ha partecipato all’iniziativa Cento4.0 promossa da AFIL, per individuare e mappare le aziende del manifatturiero avanzato della regione. Grazie alle nuove tecnologie di connessione wireless ed in piena sintonia con le opportunità offerte dal 4.0, G2 DI GHIOLDI SRL ha messo a punto Iotly®, una piattaforma cloud based per il controllo in remoto degli impianti, che permette la raccolta di dati di produzione, dei consumi energetici, la manutenzione predittiva e tutte quelle azioni che consentono di aumentare l'efficienza degli impianti, dei processi aziendali e creare valore per un’azienda. In particolare, la piattaforma Iotly® si posiziona a un livello compreso fra il MES (Manufacturing Execution System) e le risorse produttive, lavorando in parallelo ai software di produzione e garantendo un supporto immediato e costante che si traduce, tra gli altri vantaggi, in immediatezza di recupero del dato, granularità dell’informazione, interoperabilità con diversi protocolli di campo e possibilità di interfacciamento diretto con ERP o tramite MES.

Laboratori Mecspe, appuntamento a Brescia

Storie di impresa e di una trasformazione in corso che denotano la fertilità di un’area geografica. Per questo motivo i talk dei “LABORATORI MECSPE FABBRICA DIGITALE, La via italiana per l’industria 4.0”, gli appuntamenti itineranti promossi da Senaf che attraversano i territori strategici del Paese, riprenderanno da Brescia.

L’evento si terrà il prossimo 21 settembre, al Brixia Forum all’interno di InnovA - la convention dell’innovazione per la filiera siderurgica, con un focus sulla meccanica generale, e offrirà l’occasione per approfondire i progetti di alcune realtà di successo attraverso le voci dei loro protagonisti e la presentazione dei dati dell’Osservatorio MECSPE, con le analisi congiunturali e previsionali delle PMI lombarde appartenenti al mondo della meccanica specializzata, dei materiali e della meccatronica.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here