Poetry4 in cammino verso la produzione

Con la nuova stampante Poetry 4 Ira3D intende proporre uno strumento che sappia inserirsi in un sistema di produzione efficace e affidabile.

La casa novarese intende rivolgersi alle imprese di manifattura e esign, ma anche a quelle di architettura, edilizia, difesa, biomedicale.

La nuova stampante di Ira3D è pensata non solo per prototipare, ma anche per la produzione di oggetti finiti o la realizzazione di piccole/medie produzioni in serie.

Prova ne è che i rivestimenti della nuova testina di stampa di Poetry4, i porta bobine, cosi come il nuovo convogliatore d’aria sono realizzati in serie con la stampa 3D.

Ira3D Poetry4

Stabilità per la produzione

La maggior affidabilità dello sviluppo di stampa e del sistema Turbo Speed, di cui tutte le stampanti Poetry4 sono dotate, consente un processo produttivo stabile, in grado di coniugare le esigenze qualitative e le esigenze della produzione seriale in stampa 3D dell’oggetto.

Per Ira3D la produzione prevede un percorso di progettazione del file 3D e del job di stampa accurato, con la definizione della produttività del ciclo di lavoro (studio del posizionamento e ottimizzazione del numero di pezzi); la definizione dello slicing per la corretta definizione degli strati costruttivi, così da ottenere la migliore resa agli sforzi e alle sollecitazioni, minimizzando gli stress indotti dal processo; l’analisi dei materiali e la creazione dei supporti finalizzati alla realizzazione qualitativa dell’oggetto (geometria e  forme) tenendo presente le successive fasi di rimozione e le caratteristiche del materiale e le fasi di post-processo e finitura.

In questo contesto il nuovo piatto riscaldato e con sistema Easy Build, non necessita di lacche, spray e colle, rendendo il processo di stampa più semplice e affidabile. Con Easy Build, la migliore gestione del calore garantisce aderenza delle stampe al piatto e riduce la deformazione degli oggetti, dovuta a distaccamento.

La nuova testina di stampa Snap, è equipaggiata con doppio estrusore e un solo radiatore: una maggiore costanza nella gestione della temperatura degli ugelli, garantisce stabilità e smorza le vibrazioni, rilasciando materiale con uno spessore per strato fino a 15 micrometri. La ventilazione, meglio direzionata sull’area di estrusione, permette risultati più precisi e sottosquadra più dettagliati.

Il sistema di estrusione Self Grip applica automaticamente la pressione ideale al filamento caricato, impedendo che questo si rovini o consumi durante la stampa e utilizzando la taratura corretta per la tipologia di materiale in uso. Non richiede calibrazione.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here