V-Ger, il rendering fotorealistico vince

Esempio di vaso in cristallo con rendering fotorealistico

Il rendering fotorealistico permette di ricreare un ambiente nella realtà virtuale, insieme a tutti gli elementi presenti al suo interno. La difficoltà sta nel rendere gli oggetti realiall’interno di uno spazio, specialmente se si tratta di manufatti con una superficie lucida o in vetro. Ma attraverso una scansione 3D questo lavoro è  più semplice: per esempio con elementi di arredo, per la progettazione di interni o per la creazione di cataloghi si possono raffigurare elementi del tutto simili alla realtà facilmente e in minore tempo.

Esempio di vaso in cristallo con rendering fotorealistico
Esempio di vaso in cristallo con rendering fotorealistico

Lo sostiene V-Ger, società di Prunaro di Budrio, che ha realizzato un esempio di scansione 3D per applicazione di rendering su di vaso in cristallo molato a mano della cristalleria Mario Cioni & C. di Firenze. Dato che il vaso presentava caratteristiche morfologiche, dimensionali e di dettaglio elevate è stato necessario opacizzare la superficie e utilizzare lo scanner metrologico portatile Creaform Go!SCAN20. Lo scanner 3D a luce strutturata ha permesso di ottenere una risoluzione di 0,100mm e una accuratezza inferiore allo 0,100mm.

Il file ottenuto è stato poi processato dalla bottega di desing di Giacomo Masoni per realizzare un rendering fedele all’originale. La scansione 3D del vaso, ottenuta in tempo reale, è stata importata e renderizzata con Maxwell Render, facendo diversi test di colore e materiale. L’immagine sarà poi inserita all’interno di ambienti digitali in 3D, permettendo immediatamente di valutare l’effetto finale che avrà l’oggetto sull’arredo.

V-Ger riassume i vantaggi del rendering di interni effettuato a seguito di una scansione 3D nel fatto che tutti gli oggetti possono essere riprodotti in 3D in breve tempo e si possono fare valutazioni ottimali già in fase di progettazione. Le prove colore realizzabili sono infinite e i modelli nel tempo possono essere sempre utilizzati. Si eliminano i costi di sale pose, set fotografici montaggio e smontaggio e sono superflui gli acquisti di diversi complementi di arredo.

 

 

 

 

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here