Tred: Siena apre il suo cuore grande alla stampa 3D

Cor Magis Tibi Sena Pandit avevano fatto scrivere i Medici sulle porte di Siena, a simboleggiare una benevolenza forzosamente riacquisita da parte del popolo senese, dopo anni di costose diatribe.

Quel cuore grande e una innata apertura alle idee ha comunque sempre connotato la città, che è cosmopolita più di quanto sappia dimostrare.

Un'attitudine che oggi si esprime in un'ampiezza di vedute anche sul mondo dell'innovazione tecnologica, come testimonia anche Toscana Life Sciences (che ha incorporato parte delle esperienze di Siena Biotech).

Per stare sulla stampa 3D, il caso di Proteo è sotto i nostri occhi ormai da anni.

Ora è la volta di Tred, una startup con sede a Siena che ha scelto di cimentarsi nella creazione di stampanti desktop professionali, che si distinguano per robustezza, affidabilità, facilità d’uso, versatilità e alta qualità di lavoro.

L'idea è realizzare macchine compatte, dal design funzionale e curato, che possno essere utilizzate sia dai professionisti, sia da chi si avvicina alla stampa 3D cercando un prodotto di qualità.

La prima stampante nata in via Tommaso Pendola è la Tred Q_be, macchina dotata di un'area di stampa di 200 x 195 x 200 mm racchiusa all’interno di un corpo in acciaio inossidabile e di una copertura esterna in metallo.

La potremo vedere sul campo a Milano, da 7 al 9 giugno, nel contesto del Technology Hub.

La stampante Tred Q-Be
La stampante Tred Q-Be

La camera chiusa consente di mantenere costante la temperatura dell’area di stampa e quindi di ottenere stampe di maggiore qualità, oltre a consentire un utilizzo in tutti gli ambienti, anche aperti al pubblico.

La macchina ha dimensioni compatte (400 x 400 x 420 mm) e può contenere due bobine di filamento.

La scelta della casa senese è stata infatti quella di creare uno spazio di lavoro libero da ingombri e cavi e di garantire una maggiore portabilità della macchina.

In quest’ottica è stata strutturata anche la meccanica, realizzata con materiali scelti in base a qualità e resistenza. Il sistema tre assi che sostiene il piano riduce al minimo le operazioni di calibratura necessarie.

La tred Q_be è stata dotata di un doppio estrusore per consentire la creazione di supporti per i progetti più complessi o la stampa in due colori.

Grande attenzione per la connettività e la fase di controllo e gestione della stampa: si possono inviare file alla stampante sfruttando la funzionalità wireless integrata oppure tramite USB o cavo Ethernet. Il display touchscreen consente di controllare di tutti parametri di stampa anche senza l’ausilio di un laptop.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO