IoT e stampa 3D per Mimaki

Si è chiusa con successo all'insegna dell'IoT la partecipazione di Mimaki all’edizione 2016 della Drupa.

Alla kermesse di Düsseldorf il produttore giapponese di stampanti e di soluzioni di stampa digitali on demand, in Italia distribuita in esclusiva dalla Bompan di Tradate (VA), ha introdotto la propria visione in tema di Internet of Things attraverso una piattaforma di gestione della produzione globale e interconnessa, comprensiva di sistemi di stampa, robot industriali, dispositivi di ispezione e sistema di controllo firmati da lei stessa.

Concepita per creare una supply chain di produzione globale, oltre a incrementare la continuità produttiva, l’architettura di sistema messa a punto da Mimaki permetterà di svolgere un numero superiore di operazioni non presidiate inviando tutte le informazioni pertinenti per garantire che il lavoro di pianificazione, pre-stampa, produzione e post-stampa possa essere completato rispettando le scadenze.

A tal fine, come primo passo verso un sistema aperto e supportato da remoto, ovunque nel mondo, l’azienda ha mostrato in funzione una Mimaki UJF-7151 plus dotata di braccio robotizzato insignita, insieme alle stampanti UJV55-320 e TX300P, del prestigioso EDP Award.

In esposizione anche campioni prodotti tramite un processo inkjet UV in quadricromia per una stampa 3D ad alta definizione ottenuta con una stampante 3D Mimaki progettata appositamente per la grafica di insegne e cartelloni e di prodotti destinati a diversi settori industriali.

A tener banco, in questo caso, la capacità di integrare oggetti 3D con superfici 2D per applicazioni pensate per rivoluzionare il settore introducendo standard completamente nuovi per questo ambito applicativo.

 

Sotto il cappello dei nuovi annunci, il produttore di stampanti inkjet di grande formato e di plotter da taglio per i settori delle arti grafiche, tessile e industriale, ha poi presentato l’inchiostro invisibile, destinato ad applicazioni in ambito di sicurezza ma adatto anche a creare un’atmosfera surreale o una customer experience particolare all’interno di ambienti dotati di un’illuminazione speciale.

A loro volta, il nuovo inchiostro LUS-900 è andato ad aggiungersi al già annunciato LUS-350 UV consentendo di estendersi del 900 per cento consentendo la decorazione digitale di elementi termoformati, senza dover ricorrere alla tecnologia serigrafica, ossia a un processo di stampa tradizionale più lungo e costoso rispetto alla versatilità offerta dall’inkjet.

Sempre più interessata a dimostrare di non essere un semplice hardware vendor, Mimaki ha, infine, distribuito il Mimaki Design Book realizzato in collaborazione con la rivista tedesca Large Format.
Si tratta di una raccolta di poster, insegne industriali, allestimenti per punti vendita, interior decoration e car wrapping creati dai clienti in tutto il mondo o da Mimaki stessa per offrire una vera e propria fonte di ispirazione per l’uso delle proprie tecnologie e soluzioni.

LASCIA UN COMMENTO