Stampanti 3D: primo trimestre negativo, la ripresa a fine anno

mercato stampanti 3D

Le stampanti 3D industriali e di design impiegheranno tempo a riprendersi dal fermo causato dal lockdown, ma c'è ottimismo per il quarto trimestre e oltre.

Così si esprime l'analista inglese Context, per il quale la combinazione di congelamento delle operazioni da parte delle aziende, problemi logistici mondiali e di approvvigionamento sul mercato cinese, è stata letale per la performance del mercato delle stampanti 3D nel primo trimestre del 2020

I segmenti delle stampanti 3D industriali (sopra i 100mila dollari) e di design (sopra i 20mila dollari) sono stati quelli più colpiti dal momento che i mercati finali verticali chiave sono stati quasi tutti chiusi.

Calo a due cifre per le stampanti 3D top

La pausa delle operazioni in questi mercati finali ha comportato un calo a due cifre su base annua delle spedizioni di prodotti industriali (-30%) e di design (-37%).

Al contrario, i segmenti delle stampanti 3D personali (sotto i 2.500 dollari) e dei kit economici hanno avuto una domanda crescente ma sono stati frenati dall'interruzione della catena di approvvigionamento.

Il mercato dei kit è stato il più colpito dai problemi di produzione, con alcuni vendor che hanno visto un calo delle spedizioni fino al 75% rispetto all'anno precedente.

Anche il mercato delle stampanti 3D personali  ha visto aumentare la domanda in quanto gli hobbisti hanno cercato un modo per riempire il loro tempo sul blocco e hanno prodotto DPI, ma le spedizioni per questo settore sono state frenate dai blocchi di produzione in Cina. Le spedizioni sono diminuite del 38% su base annua.

Unico andamento positivo del primo trimestre 2020 è stato quello del segmento delle stampanti 3D professionali (sotto i 10mila dollari), che ha visto un aumento del 12% delle spedizioni rispetto a un anno fa.

Perchè i produttori di stampanti professionali sono riusciti a superare i problemi relativi alla fornitura?

"Perchè fanno meno affidamento sulla produzione OEM in Cina o sui componenti provenienti dalla regione, quindi non sono stati ostacolati dalle interruzioni della catena di approvvigionamento", ha spiegato Chris Connery, vicepresidente della ricerca globale di Context.

Stampanti industriali e design in calo

Contabilizzando il 68% delle entrate globali provenienti dalla vendita di stampanti 3D  nel 2019, la classe industriale stava già soffrendo a inizio 2020, quando i clienti in molti mercati finali chiave, tra cui automobilistico, aerospaziale, dentale, sanitario, prodotti di consumo, oggetti di scena cinematografici e istruzione, sono stati effettivamente chiusi.

3D Systems, Stratasys, EOS, UnionTech, HP e GE hanno registrato cali a due cifre sulle spedizioni globali dell'anno precedente. Ci sono stati ovviamente anche problemi logistici: il personale di servizio e di vendita non poteva viaggiare per provvedere alle installazioni.

Risultato: le nuove spedizioni di stampanti in questa classe sono diminuite del 30% dal primo trimestre 2019.

Gli impatti sulle spedizioni e sulla domanda non sono stati uniformi in tutto il settore, tuttavia alcune società hanno effettivamente segnalato aumenti delle spedizioni anno su anno.

Alcuni fornitori, in genere quelli che vendono stampanti da 1 milione di dollari e oltre che hanno tempi di consegna lunghi, hanno segnalato aumenti delle spedizioni in base alle prenotazioni eseguite lo scorso anno.

Quadro simile per le stampanti di classe Design, in cui i mercati finali chiave, come la gioielleria e il dentale, erano praticamente chiusi. Questa classe di stampanti 3D viene spesso utilizzata per la prototipazione, ma molte aziende hanno rapidamente bloccato la ricerca e lo sviluppo e messo in pausa gli acquisti di attrezzature costose.

Smart working con le stampanti 3D

E mentre l'occupazione si spostava verso i il lavoro remto a casa, la domanda di stampanti professionali a prezzi ragionevoli è cresciuta più o meno allo stesso modo di quella per webcam, pc portatili e altro hardware domestico.

A differenza dei modelli industriali e di design, la maggior parte delle stampanti 3D professionali sono in genere desktop o da banco e non richiedono ventilazione specifica o aree di lavoro standard industriali, rendendole ideali per l'uso in ufficio e tutto sommato anche in casa.

Il settore ha visto una domanda aggiuntiva da parte di consumatori e hobbisti che hanno riscontrato carenze di stampanti personali e per kit a basso costo e la crescita è stata possibile in quanto i principali fornitori in questo settore fanno meno affidamento sui componenti cinesi.

La ripresa è iniziata

La produzione delle stampanti personali, più economiche, si è ripresa a maggio e giugno e sono stati segnalati nuovi assunti nelle fabbriche dalla Cina alla Repubblica Ceca per aiutare a soddisfare la domanda non soddisfatta.

Questa esplosione della produzione indica un recupero cosiddetto "a forma di V" per le spedizioni di questo tipo di stampanti 3D, mentre si prevede che le spedizioni di unità professionali continueranno a crescere.

Secondo Context l'impatto del Covid-19 sui mercati verticali chiave per le stampanti industriali e di design è ancora pesante nel secondo trimestre e, con i timori di una seconda ondata di infezioni che crean incertezza nel business, la depressione della domanda potrebbe essere più prolungata.

Nuove tecnologie e pruvate equity indicano la strada

Tuttavia, le spedizioni di nuovi prodotti di Desktop Metal, Xerox e Stratasys, la tendenza generale verso forti acquisti nel quarto trimestre, insieme a tecnologie emergenti di interesse crescente come il binder jetting per i metalli, mantengono i fornitori di stampanti industriali che sperano in un'inversione di tendenza nella seconda metà del 2020.

L'analisi di Connery suggerisce che il mercato della stampa 3D ha beneficiato di una maggiore consapevolezza dell'opinione pubblica durante la crisi, sostenendo le aspettative di un aumento della domanda nel tempo, e "le aziende lungimiranti si aspettano una ripresa a forma di U nelle spedizioni di stampanti 3D e stanno già scommettendo su un aumento della domanda futura. Gli investimenti in nuove aziende e nuove tecnologie anche da parte dei fondi di private equity danno forti indicazioni che le prospettive di crescita post-pandemia a lungo termine sono rialziste".

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here