Stampanti 3D, parziale ripresa nel secondo trimestre 2020

stampanti 3D mercato

Secondo l'analista inglese Context il mercato globale della stampa 3D ha visto un rimbalzo sequenziale positivo del 24% nel secondo trimestre delle spedizioni di stampanti 3D di classe industriale in Cina e un'impennata globale del 68% nelle spedizioni di stampanti 3D desktop personali.

Sono tendenze che danno speranza a un mercato delle stampanti 3D depresso che dopo un primo trimestre pesantemente negativo, sin qui ha complessivamente visto i ricavi dell'hardware diminuire del 27% rispetto a un anno fa.

Le spedizioni di stampanti 3D di fascia alta e media (ovvero quelle nelle classi di prezzo industriale, superiore ai 100mila dollari, e design, fra i 20mila e 100mila dollari) si sono bloccate in modo significativo poiché le aziende in Occidente hanno sospeso le spese in conto capitale e gran parte dei settori chiave sono stati ancora in attesa.

Tuttavia, la domanda di stampanti professionali (fra 2.500 e 20mila dollari) è rimasta forte poiché le persone hanno continuato a lavorare da casa.

Anche le stampanti personali di livello hobbistico, sotto i 2.500 dollari sono state richieste e le spedizioni non sono più ostacolate dai limiti della catena di approvvigionamento ora che la produzione in Cina è ripresa.

I ricavi aggregati delle nuove spedizioni di stampanti sono aumentati marginalmente dal primo trimestre al secondo trimestre (del 5%), ma sono diminuiti del 27% rispetto al secondo trimestre del 2019. Le vendite di stampanti industriali hanno rappresentato il 62% dei ricavi globali di prodotti finiti nel periodo.

Stampanti 3D industriali: vince la Cina

Comne ha affermato Chris Connery, VP of Global Research di Context, quando la Cina è tornata in linea nel secondo trimestre del 2020 anche la domanda di stampanti industriali è tornata a crescere.

In effetti, molti fornitori cinesi hanno riferito di aver visto le spedizioni non solo aumentare rispetto al primo trimestre, ma hanno anche assistito a tassi di spedizione ancora più elevati rispetto a un anno fa.

"Mentre le spedizioni complessive sono leggermente migliorate dal primo trimestre al secondo trimestre grazie soprattutto a un rimbalzo in Cina - ha detto Connery - sono rimaste molto basse nei mercati occidentali, con un conseguente calo delle spedizioni totali del 38% rispetto a un anno fa".

Questa parte del mercato stava già affrontando un andamento negativo alla fine del 2019, prima dell'inizio della pandemia, ma i fornitori stanno notando un interesse accelerato a seguito dell'importante ruolo svolto dalla stampa 3D durante le chiusure pandemiche.

Quasi tutte le prime venti aziende produttrici di stampanti 3D industriali non cinesi hanno registrato riduzioni considerevoli anno su anno nel numero di unità spedite, con la notevole eccezione del produttore di stampanti 3D a metallo Slm Solutions.

Le cinesi UnionTech, Farsoon e HBD hanno visto non solo un aumento sequenziale delle spedizioni, ma anche totali delle spedizioni maggiori rispetto allo scorso anno.

Stampanti 3D design, lento rimbalzo

Con il 78% di questa classe di stampanti spedito nei paesi occidentali e con le economie statunitensi ed europee effettivamente sospese per almeno aprile e maggio, questo segmento ha dovuto affrontare sfide significative.

I principali mercati finali, come l'industria dentale, sono stati in gran parte chiusi, con un forte impatto sulla domanda. Poiché i mercati occidentali hanno iniziato lentamente a riaprire a giugno, la domanda è rimbalzata lentamente, ma le spedizioni di volumi unitari erano ancora inferiori del 34% rispetto all'anno precedente.

Traino smart working

La forte domanda del primo trimestre per questo tipo di stampante, derivante da nuovi scenari di lavoro a casa (smart working), è continuata nel secondo trimestre. Gli acquirenti sono alla ricerca di prodotti sempre più professionali con set di funzionalità ancora più solidi.

Ciò ha spinto verso l'alto i prezzi medi e ha consentito ai ricavi delle stampanti di aumentare notevolmente anche se le spedizioni sono solo leggermente migliori rispetto a un anno fa.

I prezzi medi ponderati per queste stampanti sono aumentati del 15% dall'inizio del 2019, rendendo questa l'unica classe di prezzo a registrare una crescita del fatturato su base annua (del 7%) nel secondo trimestre del 2020.

Stampanti 3D personali: +68%

Molti prodotti di questa classe provengono direttamente dalla Cina o dipendono fortemente dalle catene di approvvigionamento determinate dall'andamento nel paese asiatico.

Mentre la domanda degli hobbisti in quarantena è aumentata nel primo trimestre del 2020, le forniture sono state limitate e, quindi, le spedizioni di nuovi prodotti sono state notevolmente ostacolate.

La situazione è cambiata nel secondo trimestre, quando la produzione cinese è tornata online, portando a un aumento delle spedizioni trimestre su trimestre del 68%.

Mentre negli ultimi trimestri il mercato dei prodotti finiti ha perso quote a favore del mercato dei kit  (dominato da player cinesi come Creality e che ha visto anche una grande crescita delle spedizioni sequenziali), il secondo trimestre è stato il primo periodo dall'inizio del 2018 in cui le spedizioni di stampanti di kit non sono praticamente aumentate di anno in anno: solamente +2% rispetto al secondo trimestre del 2019.

Il mercato da qui a fine anno

Le richieste di stampanti in tutte le fasce di prezzo sono aumentate poiché sono state utilizzate per creare articoli correlati alla pandemia, che vanno dai DPI ai tamponi nasofaringei. Sebbene ciò non possa compensare completamente la perdita di domanda da mercati in sofferenza chiusi (come i consumer goods, l'education e le industrie dentali e automobilistiche), ha chiaramente dimostrato la flessibilità della tecnologia, mostrando come può essere sfruttata per aiutare a superare le interruzioni della catena di approvvigionamento e potrebbe, in futuro, essere così utilizzata in molti settori.

Mentre la ripresa in Occidente si sta dimostrando più lenta di quanto alcuni avevano previsto, i fornitori hanno segnalato un rinnovato interesse per la tecnologia durante il terzo trimestre, sia provenioente da nuovi settori che da mercati noti.

Sperano che questo interesse si trasformi in ordini del quarto trimestre: l'ultimo trimestre rappresenta in genere il 29% delle spedizioni di ogni anno, ma ora si prevede che rappresenterà il 36% + di quelle nel 2020.

L'incertezza nel soddisfare queste aspettative è determinata dal fatto che gli eventi chiave in presenza, come il Formnext in Germania, dove storicamente si concludono molti affari, rimangono virtuali mentre l'Occidente continua a far fronte alla pandemia.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here