Con la stampa 3D il tempo di intervento chirurgico diminuisce di un terzo

I chirurghi dell'ospedale universitario di Basilea stanno riducendo i tempi operativi di intervento complesso cranio-maxillo-facciali di oltre il 33% con l'uso di guide chirurgiche stampate in 3D, riducendo il rischio di complicanze e migliorando i risultati dei pazienti.

L'ospedale riferisce di risparmiare fino a 2.000 franchi svizzeri per intervento chirurgico.

Per farlo l'ospedale di Basilea ha installato una stampante 3D Stratasys nel reparto di chirurgia cranio e maxillo-facciale, creando un proprio laboratorio di stampa 3D, che ha trasformato i suoi processi di pianificazione chirurgica.

"Molti dei nostri pazienti con trauma arrivano con lesioni complesse che mettono in pericolo la vita e richiedono la creazione di piani di trattamento rapidi ed efficienti - spiega il dott. Florian Thieringer -. Avere accesso alla stampa 3D interna on-demand ha semplicemente rivoluzionato il nostro modo di lavorare, in particolare per le lesioni cranio-maxillo-facciali".

Secondo il Dr. Thieringer, questo vale particolarmente nel caso del pavimento orbitale e delle gravi fratture complesse di zigomi. Qui, la visibilità è limitata a causa dell'accesso limitato e i rischi di errore possono essere elevati.

In precedenza per ogni intervento il team avrebbe dovuto pianificare ricostruzioni utilizzando mesh standard in titanio. Queste maglie dovevano essere tagliate e formate a mano nella sala operatoria per garantire una misura esatta. Ciò ha spesso comportato un aumento del tempo e dei costi operativi della sala operatoria e potrebbe avere un impatto negativo sul paziente.

L'Ospedale universitario di Basilea ha oltre 50 cliniche specializzate, 750 posti letto e tratta fino a 350.000 pazienti all'anno ed è il più grande centro medico nel nord-ovest della Svizzera.

La tecnologia di stampa 3D ora consente al team di produrre un modello specifico per il paziente prima di ogni intervento, il tutto entro due ore dalla ricezione della scansione TC del paziente.

"L'uso di modelli stampati in 3D per la pianificazione di interventi e impianti ha ridotto il tempo di intervento fino al 33%", afferma Thieringer.

Un intervento chirurgico che in precedenza ha visto i nostri pazienti sotto anestesia per più di un'ora e mezza, ora è stato ridotto di un terzo a solo un'ora.
"Con un costo stimato al minuto di 70 franchi svizzeri, il risultato è un risparmio di circa 2.000 franchi per operazione. L'impatto sui nostri pazienti è significativo,e meno tempo sotto anestesia significa che il rischio di complicanze è sostanzialmente diminuito".

Per casi come una complessa frattura del pavimento orbitale, il team fa regolarmente uso di protesi al titanio.

"Con i modelli stampati 3D altamente accurati, gli impianti standard in titanio possono essere modellati individualmente per creare un impianto ibrido specifico per il paziente - afferma Thieringer -. Ciò riduce il tempo di taglio e sutura necessario durante l'operazione e riduce anche la necessità di prelevare impianti di titanio specifici per il paziente da fornitori esterni. Inoltre, grazie alla trasparenza del materiale di modellazione MED610, possiamo creare modelli altamente precisi e anatomicamente corretti. Questo non solo ci consente di visualizzare parti dell'anatomia altrimenti oscurate o limitate durante l'intervento, ma riduce anche la necessità che i pazienti ritornino per le operazioni di revisione".

Inoltre, la capacità di mostrare modelli anatomici accurati consente ai medici di spiegare meglio le procedure ai pazienti, assicurando che siano più a loro agio prima dell'intervento.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here