Stampa 3D in metallo senza supporto per Crp Meccanica

Crp Meccanica Velo3D

Crp Meccanica ha recentemente siglato un accordo commerciale con v, diventando distributore esclusivo per l’Italia e distributore per l’Europa dei sistemi di stampa 3D in metallo support-less Sapphire dell’azienda californiana.

Crp Meccanica fornirà l’assistenza sulle macchine installate, costante affiancamento al cliente e supporto anche per il backup in caso di fermi o picchi di produzione.

Velo3D è riuscita a superare i limiti di progettazione e costruzione propri dei tradizionali metodi di stampa 3D, creando l’unico sistema laser per metallo che permette di realizzare parti senza supporto, e con un flusso di lavoro integrato end-to-end.

Spesso – spiega in una nota Franco Cevolini, Direttore Tecnico e Presidente di Crp Meccanica – i sistemi di costruzione tradizionali richiedono dei supporti per le geometrie inferiori a 45 gradi. Questo ha sempre rappresentato un vincolo pressoché insormontabile, creando quelle limitazioni in fase progettuale che si traducevano in incertezze qualitative e ritardi: molte geometrie, e quindi forme e strutture, non si potevano realizzare per l’impossibilità di rimozione dei supporti. Dunque l’intero processo di costruzione ha sempre richiesto del tempo extra: il design del pezzo doveva essere ottimizzato per la stampa, i supporti dovevano essere costruiti durante la realizzazione del pezzo stesso, e poi essere rimossi nella fase di post-processo, con il conseguente aumento dei tempi di produzione e dei costi. Velo3D ha reso la stampa 3D in metallo una tecnologia supportfree, più veloce, più performante e adatta ai settori industriali più esigenti che devono produrre pezzi di altissimo livello”.

Con la stampa 3D in metallo di Velo3D le aziende potranno realizzare geometrie senza compromessi e stampare particolari prima impossibili da costruire, e con proprietà dei materiali migliori di quelle prodotte con le tecnologie tradizionali. Con i sistemi di Velo3D – che hanno superato la regola dei 45 gradi - non è necessario riprogettare i pezzi essendo possibile stampare senza supporto una gamma molto ampia di geometrie.

Le stampanti Sapphire di Velo3D possono aiutare a realizzare microturbine, bruciatori, turbopompe, scambiatori di calore. Altro settore in cui le stampanti Velo3D possono trovare ampio utilizzo è l’oil & gas. Anche nel motorsport possono essere usate senza limitazioni, e sono indicate per la costruzione – per esempio - di radiatori e particolari per la parte calda della turbina e del turbocompressore.

Risultano inoltre adatti a essere costruiti con la tecnologia di Velo3D i pezzi intorno al sistema di raffreddamento, che è una tematica cruciale, anche per i veicoli elettrici e ibridi.

Non venendo meno alla sua innovativa matrice imprenditoriale, l'azienda modenese sta pianificando una seconda fase in cui si appresterà a rivoluzionare la figura del distributore: “Abbiamo intenzione - spiega Cevolini - di allestire nella nostra area produttiva un tecnopolo, un dimostratore ufficiale caratterizzato da un vero e proprio sistema integrato altamente tecnologico, grazie al quale dimostreremo, alle aziende interessate all’acquisto delle stampanti Velo3D, la vera Industria 4.0 del metallo per le produzioni di alta gamma”.

 

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here