Stampa 3D e materiali compositi per i nuovi droni

droni

Italdron, azienda italiana specializzata nella progettazione e nella realizzazione di droni innovativi, dal 2014 utilizza la tecnologia di stampa 3D.

Ora per la realizzazione dei suoi droni Italdron ha deciso di puntare sulle stampanti 3D di Wasp, integrandole in maniera stabile all’interno del processo produttivo, con parti stampate in 3D in nylon carbon.

Attualmente in Italdron sono presenti tre stampanti 3D di Wasp, due Delta Wasp 2040 e una Delta Wasp 2040 Industrial 4.0 di ultima generazione ottimizzata per la stampa di materiali tecnici.

Le stampanti della Linea Industrial 4.0 possono essere connesse alla rete e quindi è possibile gestire la stampante direttamente tramite cellulare, tablet o laptop.

Un sistema di camera controllata fino a 80 °C e raffreddamento della meccanica “Hot and Cold Technology”, consente la stampa di tecnopolimeri. All’interno della stampante è anche presente una fotocamera per monitorare l’andamento della stampa anche se non si è in azienda.

Con queste innovazioni le stampanti 3D Industrial di Wasp possono lavorare in modalità h24, producendo sia prototipi per il collaudo, sia parti stampate in 3D in nylon carbon da installare direttamente sui droni per il volo, consentendo al team di Italdron di poterne valutare la funzionalità e di rilevare che non ci siano problemi a livello meccanico.

In questo modo, è sempre possibile avere un riscontro tangibile sul progetto in tempi ridotti. Le stampanti Delta WASP riescono a stampare h24 perchè hanno una meccanica molto robusta che le rende indistruttibili.

Attualmente tutte le calotte che vanno poi a formare la carenatura dei droni vengono realizzate in filamento nylon carbon tramite stampa 3D, per poi essere installate sui modelli finali.

La scelta del Nylon Carbon come materiale principale deriva dal suo ottimo rapporto tra flessibilità e resistenza anche alle alte temperature: quest’ultima, in particolare, risulta fondamentale per far sì che ogni drone di Italdron possa operare in maniera efficiente all’aria aperta, e quindi soggetto alle condizioni climatiche più disparate.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here