Robotica collaborativa in campo a Mecspe

La robotica industriale continua ad accelerare. Secondo i dati diffusi dalla Federazione internazionale della robotica (Ifr) nel Robotics World Report 2016, entro il 2019  saranno installati 1,4 milioni di robot a livello mondiale, raggiungendo quota 2,589 milioni di unità, con una crescita cumulata, in media, del 13% all’anno.

Un fenomeno che sta rivoluzionando i processi di produzione e che in particolare, per quanto riguarda la robotica collaborativa, presenta benefici colti anche dalle imprese del nostro Paese, come dimostra l’ultima indagine di Federmeccanica sull’Industria 4.0 in Italia: il 39% delle aziende, infatti, dichiara un miglioramento della produttività tra i principali benefit tratti dall’adozione di questa tecnologia innovativa, seguito da una riduzione del time-to-market (12,2%) e dall’offerta di nuovi servizi ai clienti (12,2%).

Si pone quindi la questione del rapporto uomo-macchina e del ruolo giocato dalle risorse umane nella Fabbrica del futuro. I robot sostituiranno l’operatore o serviranno da tool in ausilio per i compiti gravosi, pericolosi, ripetitivi o non ergonomici per l’uomo? Sarà possibile una collaborazione tra uomini e robot e una condivisione sicura degli spazi di lavoro?

Questi saranno alcuni dei temi della prossima edizione di Mecspe (Fiere di Parma, dal 23 al 25 marzo 2017), e dal progetto Fabbrica Digitale – Oltre l’automazione. All’interno dell’iniziativa, i visitatori potranno ammirare i cobot impegnati in operazioni di handling, assemblaggio e controllo qualità, interconnesse con tecnologie IoT. In particolare, il controllo dimensionale mostrerà l’intelligenza artificiale (deep learning), mentre l’assemblaggio sarà di tipo adattivo. E un sistema di visione aumenterà la sicurezza e la produttività del robot tramite un evoluto sistema predittivo per estendere e migliorare la condivisione degli spazi tra uomo e robot.

«Le applicazioni della robotica, sia per quanto riguarda l’industria sia per quello che riguarda la cosiddetta service robotics, sono destinate ad aumentare e a essere ancor più efficaci e sicure – commenta Alessio Cocchi per conto di Universal Robots Italia . Avremo impianti del tutto integrati, controllati dallo smartphone o dal tablet, ricchi di sensoristica e di collaborazione uomo-macchina. Produrremo meglio, con minori sprechi e difficoltà anche per piccoli lotti ed elevato mix di prodotto, e agli operatori sarà riservato un ruolo centrale e insostituibile: governare il processo aggiungendo valore».

Il percorso nell’ambito dell’automazione e delle tecnologie robotiche prosegue nella Piazza System integrator, dove i produttori avranno la possibilità di offrire ai propri system integrator l’occasione di partecipare a una piattaforma privilegiata dove essere protagonisti a più livelli e creare momenti di business e trasferimento tecnologico, scambi di idee ed esperienze tra operatori industriali, nonché presentazioni di applicazioni nei diversi ambiti.

In quest’area si terranno appuntamenti dedicati alla robotica industriale a cura di ITIA CNR, tra cui il Convegno Robotica Industriale, occasione per fare il punto attraverso il parere di esperti sulle tendenze tecnologiche in atto, e il 24 marzo la cerimonia di assegnazione del Premio Innovazione Robotica, destinato ad un’applicazione robotica innovativa – industriale o di servizio – completa e operativa, sia in servizio sia in forma di dimostratore, in ogni settore (eccetto la Lamiera), riguardante: handling robotizzato, logistica robotizzata, testing, ispezioni e collaudi, assemblaggio, lavorazioni per asportazione, additive Manufacturing, collaborazione uomo-robot, interazione intuitiva, robot e Digital Innovation, entertainment, healthcare.

 

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here