Ricoh, la stampa 3D è la nuova frontiera del settore sanitario

In base a quanto espresso da 787 professionisti del settore sanitario coinvolti nella ricerca Ricoh "The Future of Print", l’additive manufacturing può dare un contributo davvero positivo alla cura del paziente. E la realizzazione di protesi e farmaci personalizzati sono solamente due esempi del potenziale della stampa 3D.

Il 68% del campione della ricerca è convinto che l’additive manufacturing abbia tutte le carte in regola per rivoluzionare la cura del paziente.

Le nuove tecnologie di stampa stanno trasformando il settore sanitario, consentendo la riduzione dei costi e il miglioramento della cura delle patologie croniche.

Dalle protesi personalizzate alla produzione di farmaci su richiesta: il 74% delle realtà di questo settore sta utilizzando la stampa 3D per migliorare l’accuratezza diagnostica e ridurre i tassi di mortalità.

Inoltre il 51% del campione d’indagine si serve di queste tecnologie per realizzare rapidamente impianti, come ad esempio innesti ossei e dentali; questo riduce la durata della degenza e velocizza i tempi di recupero.

Per il CEO di Ricoh Europe, David Mills, “L’utilizzo delle nuove tecnologie di stampa nel settore sanitario è sempre più essenziale per riuscire a fornire cure di elevata qualità. Gli ambiti applicativi sono moltissimi. Si pensi al bioprinting: gli organi prodotti mediante le nuove tecnologie di stampa possono essere utilizzati per sperimentazioni e test. Anche la stampa dei farmaci strato per strato al fine di curare patologie specifiche potrebbe diventare presto una prassi comune”.

In Europa crescono le aspettative di vita come anche la prevalenza di patologie croniche.

Di conseguenza le cure stanno diventando sempre più complesse in quanto i disturbi colpiscono i pazienti in età avanzata.

Il 65% dei professionisti del settore sanitario utilizza le nuove tecnologie di stampa per adattare i materiali da produrre alle differenti esigenze, incluse quelle dei pazienti più anziani. Il 46% del campione afferma che senza investimenti nella stampa 3D sarà difficile nei prossimi cinque anni curare al meglio i pazienti e rispondere ai differenti bisogni.

Per Mills il nuovo printing può aiutare il settore sanitario anche a ridurre la quantità di carta in circolazione.

La digital transformation migliora l’efficienza dei processi amministrativi, riduce i costi e aumenta la sicurezza dei dati, tutti aspetti che per questo settore sono fondamentali”

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here