Mecspe, la produzione additiva direttamente in fiera

Innovativi roller progettati ottimizzati per la stampa 3D che si possono usare anche con normali scarpe, creati direttamente in fiera. Sono stati una delle “attrazioni” dell’area dimostrativa Produzione additiva 4.0: dal progetto all’oggetto: creare e produrre combinando tecnologie e materiali differenti dell’ultima edizione di Mecspe, allestita con la collaborazione di Stratasys, di Autodesk, del Politecnico di Torino e dell’Istituto Italiano di Tecnologia.

Mecspe, la fiera internazionale di riferimento per l’industria manifatturiera che si è tenuta dal 23 al 25 marzo a Parma e che ha registrato un’affluenza di 45.817 visitatori qualificati, è stata l’occasione per vedere dal vivo il meglio dell’innovazione al servizio del mondo industriale e professionale.

Mecspe 2017 fiera

Tra le aree dimostrative sparse per gli undici saloni tematici dell’evento (la cui prossima edizione sarà sempre a Parma tra il 22 e il 24 marzo 2018) - concepite in modo da offrire ai visitatori una panoramica completa su materiali, macchine e tecnologie innovative - alla manifattura additiva e alla progettazione pensata appositamente per valorizzare la stampa 3D è stata dedicata anche l’area Produzione additiva 4.0: dal progetto all’oggetto: creare e produrre combinando tecnologie e materiali differenti.

Le attività dell’area sono state articolate attorno a vari punti focali. Da una parte un roller progettato da Autodesk appositamente per questa iniziativa adottando innovativi criteri di “generative design” per renderlo più leggero a parità di resistenza.

Dall’altra, perché la teoria non rimanga tale, una stampante Stratasys F370 con tecnologia FDM (vista per la prima volta in italia operativa in occasione di MecSpe) che ne ha stampato diverse versioni in diretta durante i tre giorni della manifestazione.

Gli organizzatori avevano promesso tecnologie differenti all’opera nell’area, ed ecco il terzo punto focale: un’altra stampante Stratasys, questa volta con tecnologia PolyJet (il modello Objet 30 Prime), alla quale era stato affidato il compito di stampare in diretta un gadget da regalare ai visitatori: un gettone (con relativo portagettone) da poter usare come “monetina” per il carrello della spesa, prodotto in 31 unità per ogni sessione di stampa.

Mecspe 2017 fiera

L’ultimo tassello dell’area, in ordine di citazione ma non certo per importanza, è stato affidato al mondo della ricerca e dell’università. In particolare I ricercatori della sede di Torino dell’Istituto Italiano di Tecnologia, Center for Sustainable Future Technologies (CSFT@PoliTo) e quelli del Politecnico di Torino (Dipartimento di Ingegneria Gestionale e della Produzione, DIGEP, e Dipartimento di Scienza Applicata e Tecnologia, DISAT) hanno mostrato gli studi sviluppati nei loro laboratori nell’ambito dell’additive manufacturing (AM) polimerico e metallico.

Mecspe 2017 fiera

 

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here