Livrea Yacht è un ambizioso progetto di due costruttori italiani di barche, Francesco Belvisi e Daniele Cevola, vincitore del National Innovation Award 2017 italiano. Dal 2014 lavorano alla progettazione e alla costruzione della prima barca a vela da competizione stampata in 3D, il Mini 650. Lo scopo è quello di partecipare alla Minitransat 2019, la famosa competizione velistica che attraversa l'Oceano Atlantico dall'Europa al Sud America.

Livrea si occupa anche di tutte le attività di simulazione e valutazione, supportate da ingegneri esperti in Coppa America e nella Volvo Ocean Race. L'attuale costruzione della barca viene eseguita dal team di NautiLab.

In parallelo al progetto dello yacht, i due imprenditori hanno guidato lo sviluppo di una tecnologia di stampa 3D dedicata all'estrusione diretta con la loro azienda OCore, a garanzia della qualità richiesta delle parti.

Oltre a migliorare l'hardware di stampa - robot, estrusore e ugello - hanno brevettato una nuova strategia di deposizione del materiale utilizzando un algoritmo ispirato ai frattali.

"Siamo entusiasti di avere Lehvoss Group a bordo per questo progetto innovativo. Sono un produttore globale e riconosciuto di materiali polimerici personalizzati. La loro sponsorizzazione, il supporto aggiuntivo e l'esperienza con materiali dedicati per la nostra tecnologia hanno contribuito molto alla guida del nostro progetto. Parallelamente, ora possiamo anche tradurre questa tecnologia in altri settori industriali per applicazioni seriali", ha affermato Daniele Cevola, Managing Director di OCore.

"La barca sarà altamente competitiva grazie alle leggere e resistenti parti stampate in 3D. La stampa 3D riduce drasticamente i tempi di costruzione della barca rendendola anche più economica. Con queste premesse qui non parliamo solo di aver prodotto la prima barca a vela stampata in 3D, ma anche di partecipare per vincere nel 2019", ha aggiunto Francesco Belvisi, CTO di OCore.

"Siamo felici di essere un partner in questo progetto stimolante e molto eccitante e crediamo fermamente nella stampa 3D come il modo per consentire la produzione di parti più performanti, competitive e leggere. Lo yacht Livrea mostrerà ciò che i polimeri di elaborazione 3D e di stampa 3D possono già raggiungere ", ha affermato Thiago Medeiros Araujo, Market Developement della line Luvocom 3F di Lehvoss.

Il 29 ottobre scorso è stato presentato lo scafo della prima barca a vela stampata in 3D durante una cerimonia presso il Circolo della Vela Sicilia (CVS) di Mondello.

Prima della presentazione e dopo le osservazioni di apertura del club di vela, il presidente Agostino Randazzo, OCore ed i partner del progetto (tra cui anche Autodesk), hanno fornito una panoramica dettagliata del concetto e delle tecnologie applicate.

Il corpo e le altre parti funzionali della barca da regata oceanica lunga 6,5 m sono prodotte con la stampa 3D.

"OCore, supportato dai partner del progetto, ha sviluppato una tecnologia dedicata", ha dichiarato Daniele Cevola, Managing Director di OCore. "Tutto questo comprende un robot, software e tecnologia di stampa, inclusa la testina di stampa. OCore è riuscito a sviluppare un sistema di deposizione di materiale che, utilizzando la logica di un algoritmo proprietario, replica strutture organiche e morfologicamente complesse. Ciò fornisce leggerezza e resistenza ad un'imbarcazione che non può essere costruita in nessun altro modo".

Il concetto prevede l'integrazione dei processi di produzione digitale per creare componenti di grandi dimensioni e consentire processi di realizzazione semplificati, costi produttivi ridotti, maggiore flessibilità di produzione e riduzione dei tempi di commercializzazione dei prodotti.

Il materiale di Lehvoss

Lehvoss Group ha sviluppato il materiale personalizzato per questo progetto: Luvocom 3F Paht CF, un poliammide ad alte prestazioni, rinforzato con fibre di carbonio.

Il composto offre elevata rigidità, resistenza e peso ridotto, che sono esattamente le proprietà necessarie per questa applicazione. Inoltre, è ottimizzato per la stampa 3D, consentendo un'elevata resistenza dello strato Z.

"Siamo orgogliosi di essere partner di questo entusiasmante progetto e siamo lieti di fornire supporto con il nostro know-how di materiale e lavorazione", ha dichiarato Thomas Collet, Direttore Marketing di Lehvoss.

La barca inizierà i primi test di vela in mare i primi mesi del 2019 dopo il lancio effettivo.
Lehvoss Group, con la sua casa madre Lehmann & Voss & Co. ad Amburgo, in Germania, ha supportato lo sviluppo dei processi e ha inoltre progettato e consegnato materiali per la stampa 3D personalizzati e dedicati a questa tecnologia.

Questa linea commercializzata come Luvocom3F, si basa su polimeri termoplastici, come PEEK, PPS, PP, PA ad alte prestazioni, opportunamente modificati per implementare l’adesione tra gli strati e avere bassissimi ritiri durante il deposito. Per ottenere le proprietà meccaniche così elevate, questi polimeri possono essere rinforzati con fibre di carbonio. Questo porta a pezzi molto più resistenti, più durevoli e precisi e allo stesso tempo più leggeri.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here