Come NGNY risparmia sulle parti destinate all’uso finale con la stampa 3D

L'integrazione della stampa 3D di BCN3D nei flussi di lavoro di progettazione e fabbricazione di parti di uso finale per le macchine automatiche consente a NGNY un risparmio di oltre 40mila euro all'anno, accelerando i processi e facilitando la personalizzazione.

Fondata nel 2015, NGNY Devices è una società spagnola situata a Esplugues de Llobregat (Barcellona) che si occupa di progettazione e costruzione di macchinari e attrezzature automatizzate per processi ripetitivi.

I loro prodotti sono solitamente collocati in laboratori clinici automatizzati, quelli che analizzano campioni di sangue e urine quando il nostro medico richiede un'analisi.

Sono macchine che gestiscono le provette: classificano, scoprono, scoprono, fanno copie, riprendono, centrifuga, etichettano ed identificano. Possono classificare fino a 1.000 provette all'ora, che, nel caso dei laboratori che lavorano 24 ore su 24, equivale a 24.000 provette al giorno.

Ogni macchina di NGNY ha scopi diversi e deve essere completamente personalizzata per il cliente.

Pertanto, l'azienda lavora costantemente all'ideazione di nuovi pezzi che consentiranno nuove funzioni. Al fine di accelerare i processi di progettazione e fabbricazione, NGNY utilizza la stampa 3D interna per sviluppare, testare e produrre pezzi di uso finale per ogni macchina che costruisce.

Prima di iniziare a integrare la produzione additiva nel loro flusso di lavoro, il personale di NGNY progettava ogni nuova iterazione e la inviava a un fornitore esterno, dove veniva lavorata. Si trattava di un processo lento e costoso, con un costo minimo per pezzo di 30€.

Ogni progetto avrebbe dovuto essere testato e, se fosse stato necessario apportare delle modifiche, sarebbe stato lavorato un nuovo pezzo, aggiungendo 30€ in più al costo totale. La lavorazione di una media di 70 pezzi finali - senza contare le diverse iterazioni create nel processo - comporterebbe un costo minimo di 2.100€ per macchina, per un totale di circa 50.000€ all'anno.

Secondo Tomeu Ventayol, Project Manager di NGNY, la stampa 3D ha rappresentato una rivoluzione assoluta del loro processo. Oggi stampano in 3D "da 50 a 100 pezzi per macchina, per un costo totale inferiore a 100€". La matematica è semplice: grazie alla stampa 3D, si risparmiano oltre 2.000€ per macchina - con un risparmio totale di 40.000€ all'anno!

"Il nostro caso è quasi un esempio da manuale: alto valore aggiunto, bassa produzione, alta complessità - la stampa 3D si adatta come un guanto", afferma Tomeu Ventayol. "La prima fase è stata quella di cambiare tutto il nostro processo, e la seconda è stata quella di iniziare a progettare e produrre pezzi per la FFF, per i quali i nostri Sigma BCN3D Sigma hanno lavorato in modo ideale".

Alla NGNY, quindi, sviluppano le parti, le stampano in PLA o PA a seconda dell'uso previsto, e iniziano a testarle. Passano attraverso un processo di iterazione, in cui i progettisti del prodotto mantengono le specifiche originali e aggiungono piccole modifiche fino a quando non arrivano a produrre un componente che soddisfa tutti i requisiti meccanici.

Il passo finale di questa operazione è l'implementazione dei nuovi pezzi nella macchina specifica che si sta costruendo: una volta trovato il progetto ottimale, in NGNY fabbricano molti dei pezzi finali utilizzando le loro stampanti Sigma 3D, che in Italia sono distribuite da 3DPworld.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here