Nano Dimension stampa in 3D un sensore tattile

sensore tattile

Nano Dimension ha annunciato di essere riuscita a stampare un sensore tattile 3D insieme a Rehau.

Una volta si parlava di 3D printed electronics, ma ora la società di matrice israeliana ha varato il termine AME, additive manufactured electronics, a sottolineare il lavoro congiunto con altri attori della catena produttiva

Con il dispositivo elettronico stampato in 3D, infatti, i prodotti polimerici di Rehau possono essere trasformati in superfici dotate di interfaccia uomo-macchina retroilluminata.

Chi è Rehau

Il gruppo Rehau è uno specialista di polimeri con un fatturato annuo di circa 3,5 miliardi di euro. La società privata ha circa 20.000 dipendenti in oltre 170 sedi in tutto il mondo. e ne impiega 12.000 in Europa, di cui 8.000 in Germania. Rehau ha da sempre lavorato per rendere i prodotti polimerici più leggeri, confortevoli, sicuri ed efficienti. La società produce soluzioni per l'edilizia, l'industria automobilistica e l'industria.

Rehau ha creato una piattaforma tecnologica dedicata denominata "Electronics into Polymers" con l'obiettivo di rendere più intelligenti i prodotti polimerici  e aumentare il valore per i suoi clienti integrando perfettamente l'elettronica. La stampa 3D del sensore tattile è stata eseguita utilizzando una stampante DragonFly LDM, una macchina di produzione in grado di stampae 3D 24 ore su 24 di circuiti elettronici e di produrre forme uniche e non standard.

Per sostenere la crescita dei mercati della smart home, della smart mobility e dei dispositivi connessi a Internet (IoT), l'industria dei polimeri è alla ricerca di nuovi modi per sviluppare dispositivi innovativi e funzionali che presentino nuove applicazioni con prestazioni, efficienza e costi ridotti.

Come dice Ansgar Niehoff, Responsabile della piattaforma tecnologica "Electronics into Polymers" di Rehau, “la smartificazione non è più solo una visione per noi. Stiamo sviluppando prodotti per la casa intelligente e l'ambiente IoT e Nano Dimension sta fornendo una tecnologia importante per accelerare la disponibilità di nuove promettenti applicazioni".

Philipp Luchscheider, l'ingegnere di Rehau che ha sviluppato il design del sensore tattile 3D, ha aggiunto che con DragonFly LDM spingeremo l'elettronica di REHAU nella strategia dei polimeri per accelerare lo sviluppo elettronico interno e trovare nuovi spazi e funzioni di installazione per i nostri prodotti. ”

Per quanto riguarda l'acquisto della macchina da stampa elettronica LDM DragonFly da parte di Rehau, il Presidente e Ceo di Nano Dimension, Yoav Stern, ha sottolineato come:la società tedesca sarà la prima a riunire una conoscenza approfondita della lavorazione dei materiali polimerici con la possibilità di inserire l'elettronica.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here