La stampa 3D a metallo punta alle Pmi

Desktop Metal ha ottenuto un ulteriore finanziamento di 45 milioni di dollari per sviluppare stampanti 3D desktop a metallo.

L'azienda americana mira a portare le capacità di stampa 3D a metallo verso le piccole e medie imprese e i singoli progettisti, ossia quei soggetti che non possono sostenere i costi delle attuali tecnologie.

L'investimento è sostenuto da GV (Google Ventures) insieme a BMW iVentures e alla divisione venture di Lowe.

Il finanziamento ottenuto porta il capitale totale raccolto da Desktop Metal per lo sviluppo della stampante 3D desktop a metallo a 97 milioni di dollari.

Il Ceo e co-fondatore di Desktop Metal, Ric Fulop, manager con un passato in varie startup come A123 Systems e come partner di North Bridge (che ha sostenuto lo sviluppo di MarkForged, OnShape, Protolabs e SolidWorks) ha detto che il finanziamento consentirà di procedere con la ricerca e sviluppo fino alla produzione delle sue prime stampanti.

Non è ancora chiaro come funzionano le desktop a metallo. Si sa però che non impiegano il laser. Le stampanti realizzate da Desktop Metal potranno realizzare prototipi e parti metalliche pronte per essere utilizzate in produzione.

Per Fulop potranno essere utiizzate da subito in una varietà di settori, in particolare in quelli automobilistico e medico.

L'interesse diretto di BMW iVentures lo conferma. La casa di Monaco di Baviera sta lavorando a stretto contatto con Desktop Metal per esplorare le possibilità di utilizzo della sua tecnologia nel settore automobilistico. Un metodo di stampa 3D a metallo a basso costo potrebbe avere un impatto notevole sulle attività di progettazione e sviluppo automobilistico, oltre che risolvere il problema del magazzinaggio delle parti.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here