L’Hi-Fi migliora con i diffusori stampati con tecnologia SLS

diffusori

l diffusori Hylixa dell'azienda britannica Node Audio rappresentano una svolta nel settore dell’Hi-Fi, resa possibile grazie all’utilizzo della stampa 3D a sinterizzazione laser selettiva (SLS) per produrre una struttura di cabinet singolare e complessa.

Secondo David Evans, progettista industriale e cofondatore di Node, i nuovi diffusori acustici sono stati ispirati dalle funzionalità rese possibili dalla produzione additiva.

I progettisti industriali Ashley May e David Evans sono entrati nel mondo dell’Hi-Fi perché hanno visto l’opportunità di fare qualcosa che non era mai stato fatto.

Usufruendo dell’accesso a una stampante 3D SLS di 3D Systems nel proprio impianto produttivo, hanno collaborato per ideare un prodotto di alto valore e dalle prestazioni elevate in grado di sfruttare il processo additivo.

La sinterizzazione laser selettiva è una tecnologia di produzione additiva che fonde insieme i materiali in polvere in uno stile di costruzione con supporto autonomo. Questo sviluppo di produzione strato dopo strato consente di ottenere componenti molto più complesse e dalle forme più organiche rispetto a quelli che si ottengono con i metodi di produzione convenzionali.

Con la componente dal design industriale sotto controllo, Evans e May hanno fatto ricorso all’aiuto di un ingegnere acustico per guidare lo sviluppo tecnico di un nuovo diffusore sonoro. La loro idea era quella di creare un diffusore in grado di riprodurre una qualità audio equivalente all’esperienza d’ascolto dal vivo, con una bella estetica scultorea.

Il processo di sviluppo è iniziato con i progetti in 3D di Evans e May, che sono poi passati attraverso il software specializzato di simulazione audio 3D per passare all’iterazione successiva. Non appena il risultato della simulazione ha iniziato a confermare il suono di livello superiore di cui si stava occupando il team, hanno iniziato a realizzare prototipi e a eseguire ulteriori rifiniture finché non sono alla fine arrivati al prodotto fiore all’occhiello di Node, Hylixa.

I diffusori presentano un cabinet a forma conica con una linea di trasmissione a elica in attesa di brevetto che si spirala per 1,6 metri attorno alla parte interna del cabinet. Tale linea è alimentata da un driver per basse frequenze dedicato e rilascia il suono attraverso una bocca circolare attorno al mid e al tweeter.

Dato che il cabinet tondeggiante è progettato e prodotto come pezzo unico, non ci sono bordi per produrre la diffrazione del suono (un’interruzione della precisione sonora). Ciò consente di ottenere un percorso uniforme del suono e un’esperienza d’ascolto migliore.

La produzione e la prototipazione per i diffusori Hylixa sono eseguite su una stampante sPro 60 SLS di 3D Systems.

Ciascuno dei diffusori venduti in coppia viene stampato separatamente all’interno del volume di costruzione di 381 mm × 330 mm × 460 mm della stampante.

Evans sostiene che il team ottimizza ciascuna costruzione annidando gli altri componenti all’interno del cabinet del diffusore.

Il cabinet e i componenti del baffle anteriore di Hylixa vengono stampati in DuraForm GF, un tecnopolimero caricato a vetro che consente di ottenere un’eccellente finitura superficiale lavorabile e verniciabile.

In quanto principale pezzo esposto dei diffusori, Node sottopone i cabinet Hylixa a un regime di post-elaborazione metodica in modo da espellere tutto il materiale dai pezzi e preparare le superfici per qualsivoglia finitura richiesta dal cliente.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here