Per HP la stampa 3D è già un fenomeno industriale

All'Additive Manufacturing Users Group (AMUG), HP ha presentato nuove implementazioni su larga scala e il proprio programma Reinventing HP With Multi Jet Fusion, sottolineando il passaggio della produzione 3D su scala industriale.

"La nostra missione è cambiare il modo in cui il mondo progetta e produce con la stampa 3D.  Stiamo assistendo a un aumento della produzione 3D ad alto volume mentre l'industria accelera il suo viaggio verso un futuro digitale", ha dichiarato Stephen Nigro, Presidente del 3D Printing, di HP. "I clienti stanno aumentando la produzione di pezzi di qualità industriale: solo nell'ultimo anno più di tre milioni di pezzi sono stati prodotti con Multi Jet Fusion e più del 50% sono destinati all'uso finale. Siamo anche sfruttando la sua tecnologia per trasformare il ciclo di vita di sviluppo dei propri prodotti per contribuire a ridurre i costi, velocizzare il time to market, aumentare la soddisfazione dei clienti e migliorare la sostenibilità in tutta la nostra azienda".

Accelerazione della stampa 3D industriale

Con l'aumento della domanda di stampa 3D di livello di produzione, molti clienti HP stanno effettuando ordini ripetuti e aggiornando le loro implementazioni per aumentare la capacità dei loro array di stampanti Jet Fusion 3D per soddisfare volumi di ordini più elevati e far crescere le loro attività.

La società ha fornito qualche esempio.

Il service statunitense Forecast 3D, un sta aggiornando la sua flotta completa di stampanti 3D da 12 HP a sistemi Jet Fusion 3D 4210 per soddisfare la crescente domanda. Prevede di produrre più di un milione di pezzi con le Jet Fusion nel prossimo anno per un cliente nel settore medicale.

GoProto, con oltre 500 clienti in diversi settori industriali, ha installato sei stampanti 3D 4200 per soddisfare la crescente domanda di prototipazione di volumi elevati e di applicazioni di produzione robuste.

Stern, nota per la produzione convenzionale per i clienti del settore medicale e automotive, sta installando 10 Jet Fusion 4200 3D soluzioni di stampa nel suo impianto di produzione vicino a Stoccarda, in Germania.

Nuovo ciclo di vita dei prodotti HP con la stampa 3D

HP stessa ha varato il programma Reinventing HP With Multi Jet Fusion per sfruttare la propria tecnologia di stampa 3D per ridurre i costi, velocizzare il time-to-market, aumentare la soddisfazione dei clienti e migliorare la sostenibilità, HP sta utilizzando Multi Jet Fusion nelle sue unità di business Print, Personal Systems e 3D printing.

"HP fornisce quasi 100 milioni di prodotti all'anno attraverso una rete di fabbriche HP, produttori di design originali e fornitori di logistica in oltre 170 paesi", ha detto Stuart Pann, Chief Supply Chain Officer, HP Inc. "Questo programma unico riunisce progettazione di prodotto, ingegneria, approvvigionamento, operazioni di supply chain e produzione.  Abbracciando la libertà di progettazione della stampa 3D, HP sta facendo progressi in termini di costi, produttività, qualità e prestazioni mentre reinventa digitalmente il ciclo di vita del prodotto e la catena di fornitura".

Alcuni esempi dei vantaggi del programma di HP.

Il 50% delle parti in plastica personalizzate all'interno della Jet Fusion 4200 e oltre 140 parti all'interno della nuova serie Jet Fusion 300/500 possono essere prodotte utilizzando la tecnologia Multi Jet Fusion. Si ritiene che questo sia il maggior numero di pezzi prodotti in 3D in qualsiasi prodotto finito al mondo. La riprogettazione e la produzione 3D di queste parti offre prestazioni superiori in aree quali il miglioramento del flusso d'aria, la riduzione dei pesi e l'ottimizzazione dei vincoli di spazio, nonché costi inferiori e una maggiore flessibilità di produzione, in quanto riduce i tempi e i costi di attrezzaggio e assemblaggio.

Una parte fondamentale delle stampanti di grande formato è stata riprogettata per sfruttare l'ottimizzazione topologica e sta entrando nella produzione di massa con una riduzione del peso del 93%, una riduzione dei costi del 50% e una riduzione dell'impronta di carbonio di 95x rispetto alla parte originale lavorata in alluminio.

HP ha incluso le parti stampate Multi Jet Fusion 3D nell'HP ENVY ISS, la stampante sviluppata per sostituire la capacità di stampa esistente a bordo della Stazione Spaziale Internazionale. Gli ingegneri HP si sono rivolti a Multi Jet Fusion perché ha ridotto i costi, il numero di pezzi e l'assemblaggio, rispetto alle parti create con la produzione tradizionale.

HP ha accelerato lo sviluppo del suo materiale ad alta riutilizzabilità PA 12 per la produzione di 11 parti per la ENVY ISS, tra cui un vassoio di uscita appositamente progettato per soddisfare l'elenco dei requisiti della NASA, al fine di operare in sicurezza a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

Riduzione dei tempi di progettazione fino al 50% e risparmio di milioni di dollari nelle spese di tooling differite, per numerose parti di prodotti HP come i condotti d'aria della Jet Fusion 4200 e la nuova serie HP Jet Fusion 300/500 grazie alla sostituzione di parti multicomponente complesse con una parte stampata 3D, eliminando così molti costi di attrezzaggio, assemblaggio, qualità e catena di fornitura complessa.

Uno strumento utilizzato nella produzione delle testine di stampa HP è stato riprogettato per Multi Jet Fusion per aumentare la tenuta stagna e ridurre il flusso di turbolenza.

L'utilizzo di nuovi materiali e il consolidamento delle parti hanno inoltre portato a una riduzione dei tempi di consegna da mesi a giorni, del 90% del peso, del 95% dei costi e di oltre 30 volte dell'impronta di carbonio.

Invece di costosi utensili e stampi, sono state prodotte parti in plastica per la nuova fotocamera 3D HP Z con Multi Jet Fusion, che hanno consentito di risparmiare sui costi e di ridurre i tempi di consegna di oltre 6 settimane.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here