La fabbrica di cioccolato che usa il nylon in luogo del metallo

Il service 3D olandese Visual First utilizza la termoplastica caricata con fibre di carbonio FDM Nylon 12CF di Stratasys per sostituire le parti metalliche della macchina per il suo cliente, The Chocolate Factory.

La capacità di stampare in 3D su richiesta le parti di ricambio dei macchinari ha ridotto notevolmente i tempi di inattività delle macchine, garantendo la continuità della linea di produzione per l'azienda.

The Chocolate Factory è un'azienda con sede a Rotterdam che utilizza una rete di macchinari per il confezionamento.

La produttività dell'azienda dipende dal corretto funzionamento di una parte metallica a forma di gancio, semplice e allo stesso tempo fondamentale, che solleva i fasci di barre sul nastro trasportatore.

Quando la parte non funziona correttamente, si verifica un problema, in genere a scadenza regolare, per cui deve essere sostituita tre volte al mese. Dal momento che ogni parte di ricambio viene realizzata a mano, la consegna può richiedere oltre un mese.

"È essenziale che la macchina per il confezionamento sia sempre operativa, specialmente nei periodi movimentati, come Natale - spiega Carl van de Rijzen, titolare d'azienda di Visual First -. Grazie alla fabbricazione additiva di Stratasys possiamo produrre su richiesta parti di ricambio personalizzate caratterizzate dalle stesse prestazioni delle parti metalliche. Siamo in grado di stampare in 3D e fornire le parti di produzione a The Chocolate Factory in meno di una settimana, e questo è fondamentale per garantire la continuità della linea di produzione".

Van de Rijzen utilizza il materiale composito FDM Nylon 12CF ad alte prestazioni di Stratasys, un termoplastico caricato in carbonio, contenente il 35% di fibra di carbonio. Prodotta con la stampante Stratasys 3D della serie Production Fortus 450mc, la parte di ricambio della macchina, stampata in 3D, attualmente viene utilizzata in fabbrica. Secondo van de Rijzen, il team di The Chocolate Factory è sorpreso dall'elevato rapporto rigidità/peso della termoplastica FDM Nylon 12CF, che consente di ottenere parti caratterizzate da un'estrema rigidità.

"Il successo della parte stampata in 3D è stato subito chiaro dal momento che è impossibile piegare il materiale - afferma van de Rijzen -. La parte ha superato tutti i test sulla macchina e sono stati completati diversi cicli senza incidenti. Con la sostituzione della parte metallica con la nostra versione stampata in 3D, la fabbrica è riuscita ad aumentare la produttività".

In precedenza, il costante intervento dell'uomo indicava un funzionamento non ottimale della parte metallica, per cui la macchina si danneggiava con frequenza.

"Grazie alla capacità di ottimizzare il design della parte con la stampante Fortus 450mc, la situazione è migliorata, in quanto la parte è molto più leggera dell'omologo componente in metallo -continua van de Rijzen -. The Chocolate Factory ha osservato anche dei vantaggi in termini economici, dal momento che il team ha segnalato una riduzione dei costi relativi alla parte pari al 60%".

Dopo il successo della parte di ricambio stampata in 3D, The Chocolate Factory si rivolge ora a Visual First per risolvere altre sfide legate al design, soprattutto per sviluppare un prototipo di stampo di fusione per testare l'accettazione dei propri prodotti. In genere, questo tipo di stampo è realizzato in plastica, un materiale che richiede molto tempo e costi elevati.

"Con gli stampi realizzati in 3D con la stampante Fortus 450mc, l'azienda sarà in grado di accelerare ulteriormente i processi di produzione", afferma van de Rijzen.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here