Una DragonFly è atterrata all’Istituto Italiano di Tecnologia

Nano Dimension ha annunciato di aver venduto il suo sistema di produzione additiva DragonFly Pro per l'elettronica all'Istituto Italiano di Tecnologia (IIT).

L'istituto specializzato nella promozione dello sviluppo tecnologico e dell'istruzione superiore in campo scientifico e tecnologico utilizzerà la stampante 3D della casa israeliana per la ricerca nel campo delle nanotecnologie biomolecolari,

Lo staff dell'IIT è composto da circa 1.700 persone provenienti da oltre 60 paesi, che lavorano insieme per condurre ricerche all'avanguardia in aree multidisciplinari come la robotica, la nanobiotecnologia, l'industria, la scienza computazionale e la medicina.

La ricerca presso il Centro IIT per le nanotecnologie biomolecolari a Lecce è focalizzata sullo sviluppo di micro e nanotecnologie per il corpo umano e per l'ambiente, studiando e sfruttando nanomateriali e biomateriali e le loro interazioni su scala nanometrica.

Come ha affermato Massimo De Vittorio, ricercatore senior e coordinatore del Centro per le nanotecnologie biomolecolari dell'Istituto Italiano di Tecnologia in una nota, "L'aggiunta di DragonFly Pro alla nostra struttura sarà un punto di svolta per i nostri ricercatori e sviluppatori, che stanno creando una nuova piattaforma di sviluppo che fornisce prototipazione rapida di dispositivi e microsistemi, che consente di produrre e incorporare circuiti stampati multistrato personalizzati nei Mems e nell'elettronica indossabile".

L'acquisto è stato favorito da Cadlog, rivenditore a valore aggiunto di Nano Dimension in Italia. Per Filippo d'Agata, amministratore delegato di Cadlog, "La produzione additiva di elettronica è efficiente e ci aspettiamo che abbia un impatto significativo nell'industria 4.0".

E sempre di industria 4.0 parla Amit Dror, ceo di Nano Dimension, per il quale "L'Italia è tra i principali paesi europei nell'adozione delle tecnologie 4.0. Con il sistema DragonFly, l'Istituto Italiano di Tecnologia sarà in grado di concentrarsi sulla creazione di un nuovo ecosistema di sviluppo che offra flussi di lavoro più agili, consentendo di sviluppare rapidamente PCB multistrato complessi per nuovi prodotti elettronici con architetti, geometrie e funzionalità esclusive".

Il sistema di produzione additiva di precisione multi-materiale di DragonFly Pro consente ai progettisti di elettronica e ingegneri elettronici di stampare simultaneamente metallo conduttivo e polimero dielettrico, per la prototipazione interna e la produzione di piccoli lotti.

Questa capacità accorcia in modo significativo i tempi di realizzazione dei progetti degli sviluppatori elettronici in quanto i prototipi PCB e altri circuiti funzionali possono essere creati attraverso la produzione additiva in poche ore anziché in settimane.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here