Covid-19, Stratasys stampa in 3D dispositivi di protezione

Stratasys ha annunciato una mobilitazione globale delle proprie risorse e competenze di stampa 3D per rispondere alla pandemia di Covid-19.

Coinvokte nella mobilitazione le capacità operative di Stratasys, GrabCad, Stratasys Direct Manufacturing e della rete di partner in tutte le regioni.

L'obiettivo iniziale è fornire migliaia di schermi facciali monouso per la protezione del personale medico.

Negli Stati Uniti Stratasys si è posta l'obiettivo iniziale di produrre 5.000 schermi facciali entro venerdì 27 marzo, senza alcun costo per i destinatari.

Si tratta di una struttura stampata in 3D dotata di una visiera in plastica trasparente a copertura del volto intero. L'azienda sarà in grado di incrementare i ritmi di produzione.

Qualsiasi laboratorio di stampa 3D disposto a collaborare stampando strutture in plastica, può partecipare a questo sforzo collettivo compilando un modulo online. L'azienda pubblicherà le istruzioni per stampare e montare la visiera completa entro lunedì 23 marzo sulla sua pagina di risposta al COVID-19.

Stratasys ha confermato che Medtronic e il Dunwoody College of Technology di Minneapolis forniranno supporto per il materiale plastico delle visiere.

Yoav Zeif, ceo di Stratasys, dichiara che "la nostra forza lavoro e i nostri partner sono pronti a lavorare 24 ore su 24 per soddisfare la necessità di stampanti 3D, di materiali, compresi quelli biocompatibili, e di parti stampate".

Stratasys dispone di decine di stampanti 3D professionali per far fronte alla sfida di una produzione di schermi su larga scala, in particolare nei suoi stabilimenti di produzione diretta Stratasys Direct Manufacturing con sede a Eden Prairie (Minnesota), ad Austin (Texas) e nelle vicinanze, come pure a Valencia (California).

Molte altre aziende e istituzioni di formazione provviste di stampanti 3D di livello industriale hanno offerto il proprio aiuto. Tra questi, il Wentworth Institute of Technology di Boston, il Queensborough Community College della città di New York e il Savannah College of Art and Design di Savannah, in Georgia.

Stratasys ha creato una pagina web dove le organizzazioni possono richiedere prodotti stampati in 3D per aiutare ad affrontare la crisi, offrire la propria capacità di stampa 3D o richiedere stampanti 3D e materiale a scopo sanitario e di sicurezza.

L'azienda sta pianificando altre soluzioni per fare fronte alla crisi.

Un'iniziativa guidata dagli anestesisti del Massachusetts General Hospital, denominata CoVent-19 Challenge, sta pensando di chiedere a ingegneri e progettisti di contribuire allo sviluppo di un nuovo ventilatore di rapida installazione e di altre soluzioni innovative per ovviare alla carenza di ventilatori, e Stratasys intende sostenere la sfida e promuoverla attraverso la sua community GrabCAD, composta da oltre 7 milioni di designer.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here