Nasce un centro di produzione additiva con metalli e ceramica

XJet ha inaugurato un nuovo centro di produzione additiva in Israele: costato oltre 10 milioni di dollari, un sito di 740 metri quadri nel Rehovot Science Park, ospita la più grande collezione di stampanti 3D in metallo e ceramica, interamente composta dai sistemi XJet Carmel AM.

L'AM Center, questo il nome, supporterà XJet nello sviluppo di nuovi materiali e applicazioni per la stampa 3D.

Secondo il Ceo di XJet, Hanan Gothait, "Il nuovo centro è una parte cruciale della nostra ricerca nella stampa multi-materiale. I sistemi XJet Carmel AM sono attualmente disponibili con uno dei due materiali di stampa, acciaio inossidabile o zirconio. La nostra visione è arrivare a una piattaforma che stampa con una moltitudine di metalli e ceramiche sulla stessa parte. Useremo il centro per sviluppare e dimostrare applicazioni specializzate, stampare parti di test per la nostra base clienti globale e provare nuovi metalli e materiali ceramici".

L'inaugurazione dell'AM Center arriva a meno di un anno dal lancio commerciale del primo sistema di XJet e segue a ruota la nomina del suo primo distributore, Carfulan, nel Regno Unito.

Utilizzando la tecnologia brevettata NanoParticle Jetting (NPJ) dell'azienda, la serie XJet Carmel AM consente di produrre parti in ceramica o metallo con la facilità e la versatilità della stampa a getto d'inchiostro.

Grazie al suo approccio la tecnologia NPJ produce parti altamente complesse con dettagli superfini, superfici lisce e precisione millimetrica.

Si possono ottenere strati sottili di pochi micrometri, rispetto a quelli abitualmente ottenibili con le tecnologie di additive manufacturing in ceramica e metallo a polvere.

Cavità e dettagli fini possono essere creati senza preoccuparsi di essere danneggiati durante il processo di rimozione del supporto, poiché un materiale separato viene utilizzato per strutture di supporto, un materiale che disintegra facilmente la post-stampa.

Gli ospiti dell'AM Center hanno potuto visitare la struttura e vedere le stampanti XJet 3D in diretta, osservare quanto sia facile rimuovere le strutture di supporto, parlare con i clienti e i dipendenti di XJet.

I partecipanti hanno anche sentito parlare dei clienti di XJet, tra cui Syqe Medical , un produttore israeliano noto per il suo rivoluzionario inalatore medico a dose controllata, e Oerlikon Group, importante produttore svizzero.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here