La robotica di servizio a Technology Hub

Nell'area dimostrativa intelligenza artificiale e robotica di servizio di Technology Hub, dal 20 al 22 aprile presso fieramilanocity avremo a disposizione molti progetti, da vedere e toccare.

L’intelligenza artificiale è una disciplina che studia il modo in cui si possono riprodurre i processi mentali più complessi mediante l'uso di un computer, cercando di avvicinare il funzionamento dei computer alle capacità dell'intelligenza umana, e studiando i fondamenti teorici, le metodologie e le tecniche per la progettazione di sistemi hardware e software capaci di fornire all’elaboratore elettronico prestazioni che, a un osservatore comune, sembrerebbero essere di pertinenza esclusiva dell’intelligenza umana.

La robotica di servizio, è quell’area della robotica che include i robot che operano in maniera autonoma o semi-autonoma in settori diversi dal manifatturiero come medicina, assistenza, educational, gestione situazioni di pericolo, intrattenimento.

Questo e molto altro verrà presentato nell’ambito di Technology Hub (dal 20 al 22 aprile) Milano, MiCo, fieramilanocity ) nell’Area dimostrativa Intelligenza Artificiale e Robotica di Servizio gestita dal Centro Piaggio dell’Università di Pisa, che approfondirà le tematiche dell'interazione fisica, emotiva e mentale uomo-macchina.

I progetti in fiera

Face è un androide sviluppato in collaborazione con l’azienda Hanson Robotic. Provvisto di fattezze umane, è in grado di interagire con le persone in modo emotivo, riproducendo le sei espressioni di base usate per la generazione di stati emotivi più complessi (rabbia, disgusto, paura, gioia, tristezza e sorpresa)

Softhand è una mano robotica che combina in modo efficace robustezza e flessibilità. Le falangi rotolano l'una sull'altra come le articolazioni del corpo umano. Non ha vincoli rigidi tra le dita, ma legamenti che le conferiscono elasticità. E non ha ruote dentate, ma tendini.

Gli Attuatori ad Impedenza Variabile (VSA) sono particolari “muscoli” per robot, in grado di modificare la propria rigidezza e quindi essere rigidi per movimenti che richiedono precisione e morbidi quando si muovono celermente e rischiano un impatto con un essere umano. Una funzione simile a quella della muscolatura umana. Gb-move è un attuatore modulare in grado di essere usato singolarmente, ma anche composto in una struttura robotica articolata.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here