Antemo, come con la stampa 3D si contengono i costi per parte

Antemo

Antemo, società austriaca di servizi di ingegneria e produzione, ha investito in una stampante 3D Stratasys F900 di livello industriale per far avanzare le proprie attività produttive e aprire nuove opportunità commerciali.

La società austriaca utilizzerà la tecnologia additiva per ridurre i costi di produzione per parte e accelerare la produttività complessiva. Inoltre Antemo mira a sfruttare le peculiarità dei materiali termoplastici avanzati di volo di Stratasys per espandere la propria offerta di servizi per l'industria aerospaziale con parti di produzione stampabili 3D certificabili.

Già al servizio di vari settori con soluzioni di creazione parti su misura, Antemo prevede di utilizzare la stampante di Stratasys per produrre prototipi e parti in piccole serie per l'industria sanitaria, dei semiconduttori e dell'aerospaziale.

In particolare, per il settore aerospace, la società austriaca mira a sfruttare la capacità della F900 di stampare in 3D materiali che consentono una più facile certificazione delle parti, aggiungendo un nuovo vantaggio competitivo alla sua proposta commerciale.

Come spiega il ceo di Antemo, Martin Brunner, “La capacità di stampare in 3D parti certificate per l'industria aerospaziale non era prima possibile. Pertanto, fino ad oggi abbiamo utilizzato la fresatura e la tornitura a controllo numerico per la produzione dei nostri pezzi. Tuttavia la stampante 3D F900 ci offre un'altra dimensione in quanto a risparmio di tempo e costi; ci consente di eludere la programmazione lunga e complicata, nonché i costi di produzione associati alla fresatura CNC. Ora saremo in grado di produrre soluzioni personalizzate a un costo per parte inferiore e rendere la produzione più ripetibile e affidabile".

Il grande vassoio di build è stato un altro fattore che ha spinto la società austriaca ad adottare la F900, poiché la tecnologia consente di costruire parti di dimensioni 914,4 x 609,6 x 914,4 mm in un'unica stampa.

Questo fattore estende l'ambito di produzione di Antemo consentendo la produzione di parti interne più grandi per la cabina dell'aeromobile.

Come spiega Brunner, “Quando si creano parti interne della cabina dell'aeromobile, la resina Stratasys ULTEM 9085 disponibile sulla stampante 3D F900 è una risorsa particolare, poiché è conforme a FST e offre un'elevata resistenza chimica e termica. Questo è l'ideale per la produzione di componenti leggeri su richiesta per i nostri clienti che possono essere certificati per l'industria aerospaziale".

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here