XFAB, il laser è per tutti

Maurizio Costabeber di Dws Systems ci ha riassunto il valore della nuova stampante 3D XFAB, che la società vicentina si appresta a lanciare sul mercato, con il concetto di portare una tecnologia che è sempre stata riservata alla fascia alta del mercato, a un pubblico più vasto: quello dei prosumer.

La società di Zané, Vicenza, intende così dare la tecnologia della stereolitografia laser a tutto il mondo dei makers, e lo fa tramite un prodotto capace di realizzare con grande precisione oggetti di medie dimensioni, sfruttando uno spazio cilindrico di lavoro di 18X18 centimetri.

Nelle intenzioni della casa veneta c’è la volontà di contribuire allo sviluppo economico, dando una macchina professionale a nuove fasce di utenza. L’ambizione, non celata, è quella di creare nuovi lavori. Allo scopo ha incrociato la propria strada con Confindustria Veneto, Unicredit e Roland per creare Fablab nelle scuole. E in Emilia Romagna si è attivata con iniziative per riconvertire le professionalità degli esodati.

 

XFAB Dws Systems 2

Il primo lotto di stampanti prenderà la strada di una ventina di clienti scelti, cosiddetti early adopter. Dopodiché a gennaio la macchina sarà in produzione presso lo stabilimento di Zané, Vicenza.

Sarà acquistabile sia sul sito di ecommerce di Dws Lab, sia tramite una serie di retailer che la società sta selezionando a un prezzo finale che si aggirerà sui 5mila euro.

Compreso sarà il software di gestione dedicato, il Nauta XFAB.

I materiali disponibili, in cartuccia, saranno inizialmente nove, dall’ABS al polipropilene, dal rigido opaco al trasparente, dalla ceramica alla simil gomma.

LASCIA UN COMMENTO