Windform XT 2.0 può andare nello Spazio

Il dispositivo CubeSat, realizzato con il materiale Windform Xt 2.0 di Crp Technology

I materiali Windform di CRP Technology hanno superato un nuovo traguardo per quanto riguarda il loro impiego in ambito aerospaziale.

Il dispositivo CubeSat, realizzato con il materiale Windform Xt 2.0 di Crp Technology
Il dispositivo CubeSat, realizzato con il materiale Windform Xt 2.0 di Crp Technology

Il Windform XT 2.0, infatti, ha superato i test di outgassing, presso il laboratorio ESA/ESTEC di Noordwijk nei Paesi Bassi, secondo la normativa ESA TEC-QTE 7171 (basata su ECSS-Q-ST-70-02C).

Lo sviluppo dei materiali Windform ha aperto la strada a nuove applicazioni dal motorsport all’aerospazio, dall’automotive al medicale e dal design ai sistemi a pilotaggio remoto (Unmanned Aerial System).

Negli anni i materialo Windform sono stati sottoposti a una serie di test, come appunto quelli di outgassing per l’impiego in ambito spaziale, epicutanei per il settore medicale, moda e design e di non conduttività, andando ad ampliare l’uso di questi materiali per fabbricazione additiva in tutti quegli ambiti in cui viene richiesto un materiale altamente resistente.

Il materiale è utilizzabile con entrambe le tecnologie produttive della manifattura digitale, della stampa 3D e della lavorazione CNC di precisione

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here