Protolabs ha supportato con i propri servizi additivi lo sviluppo di due prodotti d’alta gamma pensati per esaltare la degustazione del vino.

Il service ha investito nell’iniziativa tutte le proprie competenze in materia di finitura superficiale per pezzi realizzati in stampa 3D, ottenendo un risultato visivamente paragonabile al lavoro degli artigiani, a cui sarà invece affidata la produzione in serie.

Tutto ha avuto inizio da due disegni. Virginie Pénisson, graphic designer e Presidente di Design & Print con la passione dell’arte e del buon vino, ha avuto l’idea di abbozzare su carta due oggetti di forma rotonda, giocando con la trasparenza per lasciare intravedere prima la bottiglia e, in un secondo momento, il vino contenuto all’interno.

Si tratta quindi di due opere concepite per reinventare la tradizionale funzione degli oggetti e conferire loro una dimensione contemporanea che non trova al momento corrispondenze sul mercato. È stato proprio il carattere innovativo dell’iniziativa che ha spinto Virginie a commercializzare le sue creazioni. Ma l’impresa era tutt’altro che semplice, poiché bisognava passare all’ideazione tecnica delle differenti componenti, validare i prototipi e pensare alla fattibilità della produzione in serie.

Sphaera e Loenobag sono marchi registrati di Design & Print
Sphaera funge al tempo stesso da decanter e da sofisticato contenitore di vino, destinato ad adornare le tavole più eleganti per offrire un’esperienza di degustazione del tutto inedita. La parte superiore interamente trasparente permette di apprezzare il colore del vino in tutte le sue sfumature, mentre l’estremità inferiore in acciaio inox, legno o metallo verniciato ricorda il mondo delle aziende vinicole.
Loenobag è una valigia trasparente personalizzabile con gli emblemi del vigneto o del rivenditore. Un oggetto originale che permette di trasportare tre bottiglie pur valorizzandone il contenuto.

Per garantire l’avanzamento del progetto, Virginie Pénisson non poteva accontentarsi di un prototipo funzionale. Serviva un prototipo dall’aspetto capace di esprimere la dimensione di lusso che doveva essere ottenuta, specie nel caso di Sphaera, attraverso un’attenta lavorazione dei materiali.

Virginie Pénisson si è rivolta a Protolabs per richiedere la realizzazione dei pezzi destinati a entrambi i prototipi.

Sphaera si è rivelato il prodotto più impegnativo durante la fase di prototipazione. Ogni componente ha richiesto un’analisi completa finalizzata a individuare il materiale, la tecnica di stampa e il processo di finitura più indicati.

 

Come spiega Vincent Perrot di Protolabs “Per il supporto, abbiamo deciso di riprodurre l’aspetto del metallo verniciato facendo ricorso alla poliammide e alla stampa per sinterizzazione laser. La colorazione e il livello di lucentezza sono stati oggetto di un attento lavoro di ricerca per riuscire a ottenere il risultato desiderato. Per il rubinetto, abbiamo invece optato per un processo di sinterizzazione laser del titanio con lucidatura manuale al fine di assicurare una finitura estremamente lucida e uniforme. Il componente più complesso è stato però la semisfera interna, poiché era indispensabile ottenere una trasparenza simile al vetro. Sapevo già che la stereolitografia ci avrebbe permesso di ottenere pezzi con una trasparenza elevata grazie all’impiego di resina traslucida, ma non avrei mai immaginato che fosse possibile arrivare così lontano. In fin dei conti non mi sorprende che siamo riusciti a riprodurre l’aspetto di un pezzo d’artigianato artistico, poiché la sfera ha richiesto ore di lucidatura e verniciatura a mano”.

Nel frattempo, Design & Print ha finalizzato la produzione in serie dei prodotti. Gli articoli saranno fabbricati in Francia da mastri vetrai, fabbri, ebanisti e specialisti dello stampaggio a iniezione, tutti con esperienza nell’industria del lusso.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here