Ultimaker S5, grande formato semplificato

Ultimaker ha presentato alla Hannover Messe l'ultimo modello del suo portfolio professionale di stampanti 3D, la Ultimaker S5.

Con un volume di stampa di 330 x 240 x 300 mm, è possibile stampare 3D su larga scala o adattare più parti sulla build plate.

La macchina vuole essere una soluzione professionale per la realizzazione di prototipi funzionali, strumenti di produzione e prodotti finali di grandi dimensioni.

Realizzare perfettamente il primo layer è un passaggio fondamentale affinché le parti aderiscano completamente al piano di stampa. Nella Ultimaker S5 l’active leveling (livellamento attivo) presenta delle migliorie che garantiscono una perfetta adesione delle parti alla build plate.

Il funzionamento è semplice: la nuova Ultimaker verifica il posizionamento (asse Z) della build plate in un numero elevato di punti, creando così una mappa molto precisa e dettagliata della superficie. Utilizzando questi valori, la macchina compensa in modo diverso il piano di stampa, regalandoti un primo layer perfetto e ultra-sottile che dura dall’inizio alla fine del processo di stampa 3D.

Non è più necessario un monitoraggio costante: basta avviare la stampa e lasciare che Ultimaker S5 svolga il suo lavoro.

Print Core e doppio estrusore

I print core della S5 intercambiabili in 30 secondi consentono una manutenzione semplice, senza la necessità di particolari attrezzature e un tempo massimo di attività della stampante. Utilizzando ugelli differenti, dallo 0,8 per stampe più rapide fino allo 0,25 per pezzi con dettagli ultra-fini, è possibile ottenere parti con caratteristiche diverse.

Il doppio estrusore permette di realizzare parti con colori diversi per ottenere un importante impatto estetico; stampare 3D i supporti in materiali differenti: PVA solubile in acqua per una massima libertà delle geometrie, Breakaway per una facile post-elaborazione e una finitura superficiale di alta qualità.

Piatti intercambiabili

La Ultimaker S5 utilizza due build plate intercambiabili: vetro temprato per un uso generale, alluminio anodizzato ultrapiatto (disponibile a partire dall'estate 2018) per materiali tecnici avanzati, quali ABS, CPE + e PC.

L'intuitiva interfaccia touch screen della Ultimaker S5 guida l'utente attraverso il funzionamento della macchina e durante il processo di stampa. Il display fornisce informazioni dettagliate su materiali caricati, print core e sulla temperatura degli ugelli e della build plate, permettendo all'utente di rimanere sempre aggiornato.

La Ultimaker S5 supporta tutto il portfolio di filamenti attualmente disponibili: PLA, ABS, CPE, CPE+, Nylon e TPU 95A. Il Team di esperti Ultimaker ha svolto rigorosi test su ciascun filamento per garantire la massima compatibilità con la nuova macchina.

Con l’arrivo della Ultimaker S5, l’azienda olandese ha sviluppato anche un filamento ideale per le stampe 3D di grandi dimensioni.

Con un’elevata resistenza all’urto e rigidezza, ma stampabile in modo molto semplice come il PLA, il Tough PLA ha caratteristiche meccaniche simili all’ABS. E’ un materiale eccellente per prototipi funzionali di grandi dimensioni, utensili o strumenti di produzione.

Il porta bobine si aggancia comodamente al pannello posteriore della macchina e può “ospitare” due bobine separate da 750 g di materiale. Grazie al sensore NFC installato nello spool holder, la Ultimaker S5 riconosce automaticamente il materiale e seleziona i parametri di stampa corretti.

Ultimaker ha anche sviluppato una nuova app per poter monitorare ogni lavoro in esecuzione. L'app Ultimaker sarà disponibile dal 15 maggio su Google Play e ioS App Store.

La nuova Ultimaker S5 e il Tough PLA saranno disponibili a partire dal 15 Maggio. In preorder presso il rivenditore autorizzato Manufat.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here