Tessuti 3D, l’innovazione è made in Brianza

La Gaetano Rossini ha presentato la propria 3D Experience: tessile: nuove collezioni realizzate coniugando l’esperienza nella realizzazione di tessuti tridimensionali con le qualità delle fibre naturali.

Per la realtà di Costa Masnaga (Lecco) le applicazioni del tessuto tridimensionale creato con fibre naturali non hanno più confini.

Introdotti dall’azienda la scorsa stagione nel settore del fashion, i vellutini scavati realizzati in misto cotone-poliestere e i tessuti nei quali si uniscono lino e viscosa, possono esssere applicati anche al settore dell’arredamento.

Con la sua nuova collezione dedicata al mondo dell’indoor, il lino e la viscosa si uniscono in tessuti ideali per creare tendaggi unici e in alcuni casi, grazie agli ottimi risultati ottenuti per il test Martindale (tra i 19.000 e 21.000 cicli), a complementi d’arredo.

Il cotone sposa invece il poliestere dando vita a vellutini scavati ideali per rivestire pannelli e pareti, capaci in fase di tintura di creare effetti bicolore grazie alla presenza delle due differenti fibre, l’una naturale e l’altra sintetica.

L’azienda brianzola è nata nel 1962 per soddisfare le richieste del settore arredamento per poi convergere anche sul settore automotive.

Ha puntato da subito sui tessuti tecnici e, più recentemente, sul tessuto 3D, capace di plasmarsi su esigenze differenti secondo i canoni richiesti in vari settori: automotive, arredamento, fashion.

Gaetano Rossini Viscosa Lino Poliestere1

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO