Siemens e Stratasys, patto per la produzione additiva

Il dimostratore Robotic Composite 3D di Stratasys è portatore di un approccio ibrido per la produzione automatizzata di pezzi compositi che esce dalla mentalità di stampa a strati e consente di ottenere il pieno valore della fabbricazione additiva, da applicare alle strutture composite ad alto valore, rendendole più leggere.

Siemens e Stratasys hanno annunciato la creazione di una partnership per integrare le rispettive soluzioni di Digital Factory e di produzione additiva.

Loro obiettivo è gettare le basi di una collaborazione duratura per la realizzazione del progetto congiunto di inserimento della fabbricazione additiva nel tradizionale flusso di lavoro della produzione, e farla diventare una prassi universalmente riconosciuta, che può apportare grandi benefici a molti settori dell'industria: aerospaziale, automotive, trasporti, energia, attrezzaggi industriali.

L'annuncio della partnership si aggiunge a quello della soluzione integrata di Siemens per l'additive manufacturing.

Siemens e Stratasys collaborano a più progetti, tra cui il collegamento diretto dal software NX di Siemens per CAD/CAM/CAE alla piattaforma di stampa GrabCAD di Stratasys, che permette un flusso di lavoro dalla progettazione alla stampa 3D senza soluzione di continuità, e il dimostratore multi-assiale Robotic Composite 3D di Stratasys, basato sul software di gestione del ciclo di vita del prodotto (PLM) di Siemens e delle sue tecnologie di controllo del movimento e di automazione CNC per produrre pezzi e ricambi robusti, leggeri e performanti.

Un dimostratore animato da Siemens e Stratasys

L'anima del dimostratore 3D è la tecnologia FDM di Stratasys, sincronizzata per un movimento multiassiale complesso. La soluzione è basata su un'architettura multioperativa estendibile e scalabile, dotata della flessibilità necessaria per integrare la fabbricazione sottrattiva, l'ispezione in linea e la verifica e rifinitura del prodotto.

I materiali studiati da Stratasys vengono utilizzati per produrre strutture ottimizzate per peso e performance. Il risultato è un nuovo approccio ibrido alla fabbricazione che non presenta i tradizionali limiti della sovrapposizione composita di strati, né i limiti della stratificazione e del bisogno di materiali di supporto della stampa 3D tradizionale.

Il nuovo flusso di lavoro per il dimostratore Robotic Composite 3D Stratasys inizia con il software NX di Siemens, che permette ai progettisti di creare pezzi da produrre poi sul sistema, simulare e valutare il design per la fabbricabilità e generare ed inviare tutte le istruzioni di fabbricazione per la produzione dei pezzi.

Le prestazioni vengono controllate durante tutto il processo di fabbricazione e comunicate direttamente ai sistemi di gestione operativa della produzione. Il risultato è un flusso di lavoro senza soluzione di continuità dal CAD al prodotto, che snellisce la produzione e garantisce la tracciabilità end-to-end e la qualità dei pezzi prodotti.

Il controllo del movimento per il dimostratore Robotic Composite 3D Stratasys funziona con Sinumerik 840D sl CNC di Siemens. L'architettura open del controllo Sinumerik unisce le forze dell'NC Siemens alla cinematica flessibile del robot.

L'integrazione con le tecnologie a controllo dell'estrusione di Stratasys per eseguire le istruzioni di produzione dal CAM NX permettono un alto grado di libertà per l'estrusione dell'FDM robotico.

Perchè servono le partnership

Anche se la tecnologia di fabbricazione additiva negli ultimi anni ha fatto passi avanti, occorrono altri criteri per applicarla in ambienti di produzione in volumi e farla diventare comune come la lavorazione CNC. Idealmente, le soluzioni di fabbricazione additiva dovrebbero assicurare performance operative robuste, ripetibili e affidabili con proprietà prevedibili in una vasta gamma di materiali che siano certificabili per applicazioni specifiche e che siano rese possibili da un’integrazione digitale priva di interruzioni dalla progettazione alla produzione.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO