Stampanti 3D, +9% nel primo trimestre

Le vendite mondiali di stampanti 3D sono aumentate del 9% nel primo trimestre del 2016 rispetto allo stesso periodo di un anno fa. Lo afferma la società inglese di ricerche di mercato Context.

La crescita è stata sostenuta dalle vendite di stampanti desktop consumer e professionali, mentre quelle industriali, che rappresentano il 78% dei ricavi globali, hanno avuto un calo del  20% delle spedizioni rispetto al primo trimestre del 2015.

Nonostante ciò, guardando al futuro, Context rimane ottimista rispetto alla crescita del mercato (che è fatto anche dai servizi a supporto, dal software e dai materiali) e conferma la previsione di crescita a 18,4 miliardi di dollari per il 2020, dai 4,1 che sono stati nel 2015.

Ma coglie l'occasione per ribadire che il settore industriale attende a breve termine un pieno impegno da parte di fornitori come HP e Ricoh, che sono da poco entrati nel mercato, e il compimento della riorganizzazione del mercato da parte dei classici big come Stratasys e 3D Systems.

Context esprime fiducia sul mercato personal desktop nel breve termine, registrando una domanda crescente, sostenuta da prenotazioni e dall'arrivo sul mercato di nuovi brand e startup.

Un trimestre per i big

L'analista inglese nota come leader tradizionali, Stratasys e 3D Systems, siano ancora nel mezzo di una revisione di business e il loro mercato ne risente con, rispettivamente, un calo dellle unità vendute rispetto a un anno fa del 32% e del 66%.

3D Systems, nota Context, ha sostanzialmente lasciato il segmento personal desktop, mentre Stratasys sta rifocalizzando MakerBot verso il di B2B e il mercato education.

Nello stesso periodo c'è stata la presentazione della prima stampante 3D di Hp, con la spedizione ai primi beta tester e l'annuncio da parte di Ricoh delle prime disponibilità della sua stampante industriale.

Come ha osservato Chris Connery, VP di Context in una nota che accompagna i dati, l'industria è in una situazione di stallo da cui dovrà presto uscire: «È da molto che Stratasys e 3D Systems stanno rivedento le proprie le loro attività mentre colossi come Hp, Ricoh cominciano a gettare le proprie basi per rilanciare il settore».

L'obiettivo di tutti è aiutare l'industria a passare da una focalizzazione sulla creazione di prototipi (e quindi sul breve periodo) alla produzione, e quindi ad avere una visione di medio-lungo periodo.

A tutto metallo

Il fronte positivo del settore industriale continua a essere la stampa 3D a metallo, che cresce del 29%  rispetto a un anno fa, con buone performance di Eos, Slm Solutions e Arcam ABe.

«Sul lato professionale del mercato della stampa 3D - per Connery - sarà importante capire come i nuovi vendor riusciranno convincere le aziende a usare la stampa 3D per cicli di produzione di prodotti finiti. Il mercato ha già abbracciato la capacità di stampa 3D per fornire parti dettagliate e funzionali in metallo, come per il settore aerospaziale o medicale. La prossima sfida sarà convincere le aziende a produrre in 3D con la plastica».

Il segmento personal desktop continua a crescere in modo indipendente. XYZprinting è rimasta leader mondiale nel primo trimestre, ma la sua quota è scesa al 25%. COntext rileva nel proprio rapporto il successo dell'italiana Olo su Kickstarter, con 16.329 unità prenotate della stampante per smartphone da 99 dollari.

 

I dati del trimestre

 

Mercato 2016 Q1 Context

 

 

Mercato 2016 Q1 Context

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here