Il mondo Creative Commons cerca licenze per il 3D

Le licenze siglate CC sono state un successo nella protezione di software, immagini e video, mentre nel mondo dei modelli 3D l'adozione è molto meno diffusa.

In quest'ottica i Creative Commons hanno promosso un workshop nel corso del quale sono stati identificati i bisogni relativi alle licenze della comunità 3D.

Si tratta di quattro capisaldi:

  1. il monitoraggio dell'uso del file di progetto in originale;
  2. la gestione e confronto delle versioni modificate di un progetto;
  3. il blocco dell'uso commerciale di progetti disponibili gratuitamente;
  4. l'attribuzione dei credit agli autori.

Il controllo del file originale dovrebbe comprendere il numero di del file di progetto, il numero di volte che il file è stato trasmesso a una stampante (ma anche di quante volte la stampa è andata a buon fine) e la distribuzione geografica dei suoi usi.

Un tale monitoraggio può portare benefici, ma bisogna considerarne anche i costi reali in termini di privacy e libertà d'uso per gli utenti a valle.

Molto intriganti appaiono le possibilità di confrontare le versioni modificate del file di progetto, interessanti in numerose aree di processo: sicurezza, efficacia, provenienza e sviluppo di prodotti.

In particolare, con efficacia s'intende la possibilità di assicurare che la stampa vada a buon fine con diversi materiali. Il controllo della provenienza, inoltre, permette di tenere traccia delle diverse versioni del file, incluse le versioni con differenti istruzioni per la stampa e anche con processi diversi da quelli originali.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here