Peek, il polimero che vuol sostituire il metallo

La start-up tedesca Indmatec ha reso il Peek (polietere etere chetone) stampabile con una tecnologia FDM e ha progettato anche la prima stampante 3D per utilizzare polimeri altamente performanti e resistenti a temperature elevate.

Per Indmatec il Peek ha caratteristiche particolari che lo rendono addirittura in grado di sostituire i metalli: biocompatibilità, bio-inerzia, rigidità meccanica, elevata resistenza chimica e termica. Con queste proprietà può essere utilizzato in vari settori industriali tra cui l'aeronautica, l'industria dei semiconduttori e delle automotive.

Per Brando Okolo, scienziato dei materiali e cofondatore di Indmatec, «sono stati necessari anni di ricerce per rendere il Peek utilizzabile come filamento e contemporaneamente sviluppare una stampante 3D Fdm in grado di rispondere alle esigenze impegnative di questo materiale».

E la stampante Peek 3D FDM sfrutta la sinergia tra software e hardware: l'hot end è progettato per riuscire a sopportare temperature fino a 420°C, la camera di accumulo (volume di stampa: 155 mm x 155 mm x 155 mm) è completamente chiusa ed è composta da metalli non reattivi, che garantiscono una temperatura omogenea durante l'intero processo di stampa

Con queste tecnologie Tony Tran-Mai, ceo e fondatore di Indmatec punta a diffondere la manifattura additiva presso le Pmi.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here