Orecchio umano stampato in 3D con cellule staminali in Australia

Il Royal Prince Alfred Hospital (RPA) di Sydney sta utilizzando un sistema di bioprinting 3D progettato per creare e realizzare un orecchio umano stampato in 3D.

Lo fa grazie ai ricercatori dell'Università di Wollongong (UOW) presso ARC Center of Excellence for Electromaterials Science (ACES).

La stampante 3D è frutto di un progetto di ricerca congiunto tra ACES e il professore associato e chirurgo Payal Mukherjee dell'RPA Ear, Nose and Throat (ENT) per sviluppare una soluzione clinica bioprinting 3D per il trattamento della microtia, una deformità congenita per la quale l'orecchio esterno soffre di un sottosviluppo.

I ricercatori dell'Università di Wollongong in Australia hanno sviluppato un bioprinter 3D in grado di replicare le orecchie umane per l'uso nella chirurgia ricostruttiva.

La macchina, soprannominata 3D Alek, è una stampante 3D di biofabbricazione multi-materiali personalizzata, che utilizza un bio inchiostro specializzato sviluppato dai ricercatori dell'Università di Wollongong (UOW) e dall'ANCA National Fabrication Facility (ANFF) per stampare un orecchio umano.

Il bio inchiostro utilizza le cellule staminali per far crescere la cartilagine dell'orecchio umano utilizzando la tecnologia di stampa 3D, per creare un orecchio da utilizzare nella chirurgia ricostruttiva.

La 3D Alek è una stampante 3D di biofabbricazione multi materiale personalizzata che utilizza un bio inchiostro specializzato sviluppato e prodotto dai ricercatori ACES presso l'UOW e l'Australian National Fabrication Facility (ANFF) per assistere nella rigenerazione della cartilagine da utilizzare in ricostruttiva chirurgia dell'orecchio.

Il direttore di ACES, Professor Gordon Wallace, ha affermato che la collaborazione di 3D Alek ha beneficiato delle diverse competenze di una vasta gamma di scienziati, ingegneri e medici per realizzare reali progressi per affrontare questa importante sfida medica.

"Questo progetto illustra la nostra capacità di gestire una pipeline di successo per trasformare la ricerca fondamentale in un'applicazione strategica per creare una nuova soluzione sanitaria per migliorare la vita delle persone", ha affermato il professor Wallace.

"Con un 3D Alek ora stabilito in un ambiente clinico presso l'RPA e una replica nel nostro laboratorio di TRICEP, la nostra nuova iniziativa di bioprinting in 3D , saremo in grado di accelerare le prossime fasi della nostra ricerca per fornire una soluzione pratica per risolvere questo sfida clinica".

In tema di microtia, per il professor Mukherjee "Il trattamento di questa particolare deformità dell'orecchio è impegnativo perché l'orecchio esterno ha una forma 3D estremamente complessa, non solo in lunghezza e larghezza, ma anche in altezza e proiezione dal cranio".

"È qui che il bioprinting è una strada estremamente importante, in quanto consente di progettare e personalizzare l'innesto di un orecchio sul viso del paziente utilizzando il tessuto naturale del paziente con conseguente riduzione dei tempi operativi e miglioramento dei risultati estetici ed evita l'attuale complicazione di richiede un sito donatore per la cartilagine, di solito dalla gabbia toracica del paziente".

Il team continuerà a promuovere la ricerca, compresa la realizzazione di sperimentazioni cliniche iniziali con l'obiettivo di accelerare lo sviluppo del bio-inchiostro specializzato utilizzando cellule staminali del tessuto umano, con la speranza di riuscire a stampare un orecchio vivente utilizzando lo stesso stelo del paziente le cellule.

Con sede presso l'Innovation Campus dell'Università di Wollongong, ACES è un gruppo di ricerca multidisciplinare focalizzato sullo sviluppo di dispositivi funzionali per applicazioni quali batterie, celle solari e sistemi che interagiscono con i tessuti viventi.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here