Nuovi materiali, Victrex in campo con il Paek

Victrex è alla guida di un consorzio di società e istituzioni1 finalizzato all’innovazione della stampa 3D: svilupperà dei nuovi gradi di poliarileterchetoni (PAEK) ad elevate prestazioni, basati su formulazioni chimiche studiate per la produzione 3D.

Anche se già utilizzati in alcune attuali applicazioni di additive manufacturing, gli attuali materiali PAEK sono stati originariamente sviluppati per i processi di stampaggio ad iniezione ed estrusione.

I nuovi gradi sono prevalentemente dedicati all’industria aerospaziale, che rappresenta la maggiore priorità del consorzio, ma saranno prese in considerazioni anche altre aree, fra cui quella medicale.

Disponendo di un brevetto depositato per i nuovi polimeri in corso di sviluppo, Victrex ha ricevuto un finanziamento da Innovate UK, l’agenzia inglese per l’innovazione, come contributo all’avanzamento del progetto.

Fra i membri del consorzio ci sono Airbus Group Innovations, EOS, Università di Exeter, E3D-Online, HiEta technologies, South West Metal Finishing, Avon Valley Precision Engineering.

Uno degli obiettivi è l’aumento della quantità di polveri riutilizzate nell’ambito delle tecniche di produzione da sinterizzazione laser.

Questo andrebbe a ridurre in misura significativa gli scarti polimerici insiti in questo tipo di produzione, diminuendo anche i costi.

Il progetto si occuperà anche di migliorare le attuali problematiche di adesione inter-strato e di finitura superficiale dei componenti.

Mentre la società sta lavorando alla ricerca di nuove soluzioni, il polimero PAEK di Victrex è già impiegato per la stampa di particolari 3D, sia utilizzando la tecnica di fusione da filamento, sia la sinterizzazione laser partendo da polvere.

Si presume che entro il 2018 si potrà disporre di una dimostrazione tecnologica effettiva, in grado di dimostrare tutti i vantaggi della produzione additiva, compresa la riduzione dei costi e una tempistica più rapida del time-to-market per prodotti che implicano particolari troppo complessi per essere realizzati con i metodi tradizionali.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here