L’anticontraffazione spinge la crescita del microprinting

Secondo un nuovo rapporto di ricerca di Global Market Insights il mercato del microprinting è destinato a crescere dal suo livello attuale, valutato a oltre 550 milioni di dollari nel 2018, a 800 milioni di dollari nel 2025.

Sarà l'aumento della domanda di prodotti anticontraffazione in vari segmenti applicativi a determinare la crescita del mercato del microprinting nel periodo di osservazione.

Le contraffazioni e la pirateria dei prodotti possono infatti essere prevenute con le caratteristiche di sicurezza, come le microstrutture stampate in 3D su prodotti o imballaggi, come rappresentato nell'immagine del Karlsruher Institut Fur Technologie.

Secondo l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) e l'Ufficio per la proprietà intellettuale dell'UE, il commercio di merci contraffatte e pirate rappresenta il 3,3% del commercio mondiale globale.

Secondo la VDMA (Mechanical Engineering Industry Association) con sede in Germania, il numero massimo di contraffazioni proviene dalla Cina, seguita proprio dalla Germania.

Questa tendenza sta spingendo le industrie a implementare funzionalità di sicurezza per assicurare l'autenticità dei prodotti di consumo, dei pacchetti e della logistica, con conseguente crescita del mercato del microprinting. La tecnologia che stampa caratteri e schemi invisibili ad occhio nudo è emersa infatti come soluzione di sicurezza accessibile per una serie di settori verticali.

La crescente domanda di una tecnologia di stampa economica rappresenta un'ulteriore accelerazione della crescita del mercato del microprinting. Le industrie del packaging richiedono stampe protette di alta qualità che possono essere utilizzate per identificare e differenziare diversi prodotti confezionati. La tecnica consente una facile identificazione ed evita la duplicazione del prodotto.

L'adozione di questa tecnica di stampa sta crescendo rapidamente nel settore bancario e dei servizi finanziari a causa dell'aumento della contraffazione di valute e assegni.

La Reserve Bank of Australia lamenta ogni anno circa 30mila contraffazioni. La banca centrale di Canberra sta dunque sperimentando innovative funzionalità di sicurezza per assicurare la valuta dalla contraffazione. Lo scorso febbraio ha rilasciato una banconota da 20 dollari australiani con effetti a colori e funzionalità di microprinting per migliorare la sicurezza e la facilità di identificazione.

Global Market Insight calcola che il mercato del microprinting del Nord America si espanderà a un Cagr di oltre il 4% nel periodo di previsione.

La tecnica viene utilizzata nei settori aziendali e governativi anche per la stampa di tessere identificative e permessi dei dipendenti come misura di sicurezza.

La disponibilità di soluzioni di scansione e stampa accessibili ha portato ad un aumento della contraffazione del dollaro. Ad esempio a gennaio 2018 il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti aveva riferito di circa 70 milioni di valute falsificate in tutto il paese; Il 75% della valuta contraffatta consisteva in banconote da 100 dollari. questo ha spinto il governo a utilizzare la tecnica del microprinting per prevenire le attività di contraffazione.

Global Market Insight individua come player di riferimento nel mercato dei microprinting, fra gli altri, Zebra Technologies, Xerox, Wuhan Willita Marking e Packing Technology, Videojet Technologies, Source Technologies, Micro Printing Systems International, Matica Technologies, Linx Printing Technologies, InkJet, HP, Evolis, Control Print e Canon Finetech Nisca.

Sono realtà impegnate nella produzione di soluzioni di stampa che aiutano a proteggere i documenti sensibili da duplicazioni non autorizzate. Stanno implementando funzionalità avanzate e di alta qualità per la stampa, la codifica e la marcatura di prodotti.

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here