C’è Materialise per le stampanti a metallo cinesi

Bright Laser Technologies, società basata in Cina, ha acquistato la Materialise Control Platform con l'idea di metterla a bordo dei propri sistemi di additive manufacturing a metallo.

La realtà cinese, creata 5 anni fa, mette a frutto più di vent'anni di esperienza nella stampa 3D a metallo e realizza sistemi basati sulla tecnologia Selective Laser Melting (SLM) per il mercato OEM, adottati in più settori industriali: manifatturiero, automobilistico, aerospaziale, sanitario.

La piattaforma di controllo di Materialise è una tecnologia embedded, modulare e comandata dal software, che risponde alla crescente necessità di avere un maggiore controllo sulle stampanti 3D basate sul laser.

È stata progettata per le applicazioni di ricerca e sviluppo, o costruttori di macchine e coloro che vogliono controllare o adattare il processo produttivo alle loro esigenze specifiche.

Inoltre è pienamente compatibile con la piattaforma software Materialise Magics 3D Print Suite, che viene utilizzata per l'intero processo produttivo, dalla progettazione alla finitura.

Con la piattaforma di controllo di Materialise la realtà cinese intende di prendere il pieno controllo del processo di produzione additiva, per accelerare il processo di sviluppo della macchina rafforzando la progettazione. Sulla base dei dati raccolti in tempo reale può adattare il comportamento delle proprie macchine e nel contempo integrare le attività di sviluppo della tecnologia.

Chi è Bright Laser Technologies

L'azienda cinese è sita a Xi'an, impiega 260 persone, di cui il 30% laureati. Al momento si estende su un'area di ricerca di 900 metri quadri e una zona di produzione 2.500 metri quadri, ma ha in piano di ultimare entro la fine dell'anno un complesso di smart manufacturing che sarà di 40mila metri quadri. Dispone di 30 set per la produzione additiva e la riparazione. È in possesso di 26 brevetti di tecnologia di produzione additiva con metallo e varie certificazioni del sistema di qualità: ISO9001-2008, AS9100C-2009 e GJB9B del 2009.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO