La stampa 3D? In social franchising con 3DiTALY

Il pimo franchising del 3D Printing è Made in Italy - Il progetto 3DiTALY prende il via con un centro sperimentale e pionieristico a Pescara.wasp-sharebot-3ditaly-stampanti-3d-printing-italia-maker

Il 22 Marzo, a Pescara, è nato ufficialmente in Italia il primo progetto europeo di Social Franchising sulla Stampa 3D. 3DiTALY è il nome della nuova flotta di piccoli centri pioneristici e sperimentali che spunteranno gradualmente in Italia. Dopo essere stato il primo 3D printing Store concept in Italia, con il punto pilota di Roma, 3DiTALY diventerà di fatto il primo social franchising europeo della stampa 3D. «Siamo la dimostrazione vivente - affermano i responsabili del progetto - che in Italia c'è ancora una scintilla di volontà e creatività e che una piccola start up come la nostra, pur non avendo la possibilità di investire grossi capitali, può fare della buona impresa».
La città che ospiterà il secondo 3DiTALY Store sarà Pescara. Il progetto nasce dalla spinta di giovani imprenditori che hanno conosciuto 3DiTALY durante i workshop di formazione, alle fiere ed agli eventi, sul web. La cosa che accomuna tutta la variegata community 3DiTALY è il concept di futuro artigiano: l’affiancamento delle nuove tecnologie digitali al bagaglio culturale di conoscenze dell’artigianato locale, del design e della ricerca nel campo tecnologico del nostro Paese. I nuovi store offriranno servizi di: stampa di modelli in 3D, modellazione 3D, scansione e stampa per busti personali in 3d, workshop, vendita ed assistenza di stampanti 3d, vendita scanner, droni volanti, schede Arduino e materiali di consumo. Gli interni dei negozi saranno dotati di arredi prodotti con legno riciclato, cartone e device stampate in 3D, costituendo così un visual di interni totalmente ecosostenibile. L’iniziativa coinvolgerà una serie di nuove giovani realtà italiane diventate il fiore all’occhiello del movimento maker mondiale: Slic3r, Stickfilament, Sharebot, Wasp, Arduino.

LASCIA UN COMMENTO