Il cemento armato si stampa in 3D

Un team dell'Università Federico II di Napoli ha usato una stampante 3D Big Delta di Wasp alta 4 metri per produrre elementi di calcestruzzo che possono essere assemblati con barre d'acciaio e comporre travi o pilasti in cemento armato.

Il progetto di ricerca avviene in seno al centro di servizi CeSMA (Centro servizi metodologici avanzati) dell'università campana e coinvolge il Consorzio Stress (il distretto ad alta tecnologia della Regione Campania sulle costruzioni sostenibili) e l'Università di Pavia.

Nei laboratori del Dipartimento di Strutture per l'Ingegneria e l'Architettura della Federico II di Napoli verrà ora effettuato un test sulla prima trave realizzata, della lunghezza di circa 3 metri e mezzo.

Il test consentirà anche di verificare le performance meccaniche dei nuovi elementi in cemento armato. Si proseguirà inoltre con la sperimentazione di nuovi sistemi di assemblaggio basati anche sulla tecnologia della precompressione.

Il team del progetto è composto da Domenico Auricchio, Costantino Menna, Marco Naclerio (Università Federico II di Napoli); Marco Iuorio, Marcello Pellecchia, Alberto Zinno (Consorzio Stress) e da Ferdinando Auricchio dell'Università di Pavia.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here