Gkn Aerospace stampa in 3D i tool di assemblaggio

Gkn Aerospace sta migliorando i tempi di produzione e rimuovendo i vincoli di progettazione per più applicazioni di attrezzaggio dal momento in cui ha integrato la fabbricazione additiva presso il sito di produzione di Filton, nel Regno Unito.

Gkn serve oltre il 90% dei produttori mondiali di aeromobili e motori con aerostrutture, sistemi motore e tecnologie e la sede di Filton ospita il team responsabile della produzione di strumenti di produzione per più aree di business.

lI responsabile del centro di produzione additiva, Tim Hope, rivela che l'azienda ha deciso di investire nella stampante 3D Stratasys F900 Production per tagliare i tempi di lavorazione degli strumenti della linea di produzione e per creare parti complesse, impossibili da realizzare con i metodi di fabbricazione tradizionali.

Di solito, il tempo di lavorazione richiesto per produrre uno strumento in metallo o plastica è di diverse settimane. Ora, grazie all'utilizzo di una stampante di produzione 3D interna per eseguire lo stesso lavoro, il problema della sostituzione non esiste più e i tempi di risposta ai requisiti di produzione sono migliorati. "Ora siamo in grado di produrre in economia e in sole tre ore gli strumenti per i nostri operatori", spiega Hope.

Utilizzando termoplastica di livello industriale per la stampa, Gkn è in grado di produrre strumenti stampati in 3D con qualità ripetibile e prevedibile ogni volta. Tutto questo mantenendo la qualità degli strumenti prodotti in maniera tradizionale e riducendo i costi e le concessioni rispetto all'attrezzaggio in metallo equivalente.

Sebbene Gkn Aerospace oggi utilizzi una termoplastica standard, per queste applicazioni sta sperimentando la resina ULTEM 1010 di Stratasys, un materiale molto robusto e con doti di resistenza termica.

Da quando ha investito nella Stratasys F900 per le sue operazioni, GknAerospace sta sperimentando alti livelli di libertà di progettazione. In particolare per geometrie complesse e cavità interne che altrimenti sarebbero problematiche ora risultato pratiche con la F900. "Stiamo utilizzando la F900 per progettare e stampare in 3D strumenti che in precedenza non erano concepibili e che ci permettono di fabbricare parti complesse che sarebbe impossibile realizzare fisicamente o che risulterebbero antieconomici se prodotti mediante altri metodi".

Oltre ai vantaggi della libertà di progettazione, Gkn Aerospace ha osservato anche una riduzione del 40% nello spreco di materiali.

Hope prevede un passaggio più consistente verso l'uso della fabbricazione additiva FDM per produrre parti finali composte di elevato valore, fondamentali per il volo: "Utilizzando la fabbricazione additiva Stratasys per l'attrezzaggio stiamo mettendo a frutto una macchina che ci offre la libertà di produrre strumenti unici e complessi di qualsiasi dimensione, con una qualità di costruzione in grado di soddisfare qualsiasi requisito di fabbricazione".

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here