Context conferma la crescita del mercato della stampa 3D

Il mercato mondiale delle stampanti 3D (fatto da stampanti, materiali e servizi) raggiungerà i 17,8 miliardi di dollari nel corso dei prossimi cinque anni, secondo gli ultimi dati di Context, che ha approfittato della fiera di Düsseldorf per fare il punto su un mercato che si accinge a passare dalla prototipazione alla produzione.

Solamente per l'hardware, cioè le stampanti 3D desktop, professionali e industriali, si prevede un CAGR del 38%: dagli 1,8 miliardi di dollari nel 2016 si passerà a 6.4 miliardi nel 2020.

Come ha osservato Chris Connery, direttore delle analisi globali per Context, il mercato è destinato a crescere nei prossimi due anni spinto dall’ingresso nel mercato professionale e industriale di realtà storiche della stampa 2D come HP, Ricoh e Canon.

Il mercato delle stampanti 3D, caratterizzato da aziende come Stratasys, 3D Systems ed EOS, ha fatto l'industria della prototipazione, ma ha faticato a insinuarsi nel più ricco settore della produzione vera e propria (valutato in 21 trilioni di dollari) se non per mezzo della stampa 3D con metalli.

Context dice che solamente il 7% delle stampanti 3D industriali e professionali vendute nel 2015 erano dedicate alla produzione di parti metalliche, ma questo rimane comunque il segmento a più rapida crescita nello spazio industriale.

GE e Boeing, per esempio, stanno già utilizzando la stampa 3D per produrre in serie le parti metalliche complesse per il settore aerospaziale e medicale. Su una scala più grande i polimeri hanno cavalcato l’onda della "personalizzazione di massa", ma devono ancora far fare il salto di qualità ai componenti in plastica prodotti in 3D.

Context conclude che le stampanti 3D desktop, ossia quelle sotto i 5.000 dollari, rimangono estremamente importante per l'industria e per la capacità di far presa nell’ambito dell’istruzione, dei maker e della giovane ingegneria.

 

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here