Concept Laser vara il sistema M Line Factory

Concept Laser ha varato la M Line Factory, un sistema di additive manufacturing che per la prima volta pone la produzione di pezzi e il setup degli stessi in due unità macchina indipendenti, in modo che possano essere azionati e gestiti fisicamente in modo separato l'uno dall'altro.

In questo modo i processi di produzione possono avvenire in parallelo anziché in sequenza, per ridurre i tempi di fermo.

Il sistema M Line Factory PRD è un'unità di produzione con un volume di 400 x 400 x 425 mm ³ (x, y, z) ed è opzionalmente dotato di 1 a 4 sorgenti laser, da 400 W o 1000 W di potenza. Il nucleo del gruppo è fatto da tre moduli indipendenti: il modulo di dosaggio, quello di costruzione e il modulo di overflow, che può essere attivato singolarmente per la prima volta e quindi non formare una unità continua. I singoli moduli vengono spostati attraverso un sistema di tunnel all'interno della macchina.

Ciò significa, per esempio, che quando va immessa nuova polvere, il modulo vuoto può automaticamente essere sostituito da uno nuovo, senza interrompere il processo di produzione, come avveniva in precedenza.

I lavori terminati possono anche essere spostati dalla macchina con il modulo dedicato e sostituiti direttamente da un nuovo modulo, in modo che le operazioni di produzione possano essere riprese immediatamente.

Fisicamente separata è la M Line Factory PCG, un'unità di elaborazione per il setup e i processi di smontaggio. Il sistema crea "finestre di utilizzo ottimale" in previsione di una disponibilità 24X7 delle macchine. La nuova unità di elaborazione ha un sistema integrato di setacciatura e di gestione della polvere, che non rende più necessario effettuare queste operazioni esternamente. I preparativi per il lavoro seguente, quindi, si svolgono in un sistema chiuso, senza che l'operatore venga a contatto con la polvere.

Perno della strategia AM Factory of Tomorrow

La tecnologia della macchina modulare M Line Factory costituisce il nucleo della strategia "AM Factory of Tomorrow", che Concept Laser sta portando avanti, che implementa  l'idea di base di Industry 4.0 in forma di automazione, interconnessione e digitalizzazione, e consente quindi la produzione additiva in serie di componenti metallici.

Il produttore di Lichtenfels acquisito da GE ha annunciato, incollaborazione con Swisslog, che fa parte del gruppo KUKA, l'integrazione di un dispositivo di trasporto automatico (Automated guided vehicle, AGV) per la circolazione di moduli per la produzione additiva, tipicamente polvere e componenti.

Nel segmento delle macchine più piccole Concept Laser ha presentato la Mlab Cusing 200R e in quello delle grandi dimensioni la XlinePCG, come opzione per la rimozione sicura della polvere a seguito del processo di produzione.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO