Come si fa la vera gioielleria in 3D

«Per favore non chiamateli gioielli». Andrea Gié, fondatore di Smart3D.net a Valenza (Alessandria), insieme ad Andrea Dotta, è tranchant. Lo spunto per esserlo gli viene dall’osservazione dell’indotto del mercato della stampa 3D, che si sta abituando a definire gioielleria anche i lavori in plastica.

Ma fare gioielli veri con la stampa 3D è un'altra cosa.

Per scoprirlo puoi continuare a leggere l’articolo

IN DIGITALE su sistemi APPLE CLICCANDO QUI

IN DIGITALE su sistemi ANDROID CLICCANDO QUI

SULLA RIVISTA CARTACEA CLICCANDO QUI

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO