Come si fa la vera gioielleria in 3D

«Per favore non chiamateli gioielli». Andrea Gié, fondatore di Smart3D.net a Valenza (Alessandria), insieme ad Andrea Dotta, è tranchant. Lo spunto per esserlo gli viene dall’osservazione dell’indotto del mercato della stampa 3D, che si sta abituando a definire gioielleria anche i lavori in plastica.

Ma fare gioielli veri con la stampa 3D è un'altra cosa.

Per scoprirlo puoi continuare a leggere l’articolo

IN DIGITALE su sistemi APPLE CLICCANDO QUI

IN DIGITALE su sistemi ANDROID CLICCANDO QUI

SULLA RIVISTA CARTACEA CLICCANDO QUI

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here