A Click4all e dbGlove il premio MaketoCare

MaketoCare ha i suoi vincitori. Ad aggiudicarsi il viaggio nella Silicon Valley e la possibilità di visitare alcune realtà nel cuore pulsante dell’innovazione made in Usa sono stati Click4all e dbGlove, i due progetti più votati dal Comitato di Valutazione costituito da dodici membri e presieduto da Giuseppe Novelli, Rettore dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”.

PulsantitouchScelti tra i 13 progetti finalisti che si sono cimentati nel concorso, i vincitori portano, rispettivamente, al mondo della disabilità un kit per inventare e costruire ausili informatici o attività edu-riabilitative usando tessuti, frutta o un qualsiasi materiale conduttivo, e un dispositivo indossabile che consente alle persone cieche e sordo-cieche di utilizzare tutte le funzionalità di uno smartphone o di un tablet, comunicando e interagendo con il mondo.

Il primo, ideato ai bolognesi Luca Enei e Nicola Gencarelli è già approdato un Centro per la riabilitazione di bambini siriani con disabilità motorie e intellettive con sede a Damasco e, a marzo di quest’anno, si è aggiudicato il bando Thinkforsocial promosso da Fondazione Vodafone Italia vincendo tra più di 400 progetti.
dbglove_introIl secondo è, invece, stato messo a punto dal 35enne barese Nicholas Caporusso, già premiato al MIT Technology Review nel 2015, tra i dieci migliori innovatori italiani under 35.

Il centinaio di maker che con le loro start up hanno partecipato al concorso MaketoCare, promosso dalla divisione di Sanofi specializzata in biotecnologie applicate a malattie rare, sclerosi multipla, oncologia e immunologia, saranno presenti con uno spazio espositivo, a Maker Faire – The European Edition, in programma da domani a domenica alla Fiera di Roma con le loro proposte presso l’area healthcare & wellness.

LASCIA UN COMMENTO