In gara alle Paralimpiadi con la stampa 3D

La canoista Veronica Yoko Plebani è in partenza per le Paralimpiadi che si terranno a Rio de Janeiro dal 7 al 18 settembre, mentre il surfista Fabrizio Passetti si sta preparando per i Mondiali di La Jolla in California.

I due atleti azzurri utilizzano protesi stampate in 3D da Marco Avaro, ingegnere biomedico che aderisce al gruppo Waspmedical e che nel suo laboratorio lavora con una DeltaWASP 40 70 e con tre DeltaWASP 20 40.

Passetti surf Wasp

«Per Veronica ho realizzato un tutore per la mano – spiega Avaro in una nota – mentre a Fabrizio serviva una protesi in carbonio estremamente performante, in grado di resistere a sollecitazioni anche notevoli».

Nel laboratorio ortopedico di Fabio Del Bene a Trieste, l’ingegnere friulano lavora senza sosta e con le DeltaWasp è in grado di realizzare protesi sempre più sofisticate: «Alla base ci sono filamenti di alta qualità, molto performanti grazie a TreeD Filaments, e naturalmente le veloci e precise stampanti di Wasp. Stiamo stampando pezzi con tolleranze di due decimi di millimetro».

Una protesi è un dispositivo medico su misura e come tale deve sottostare a norme e caratteristiche, sulla base di prescrizioni mediche. Ovviamente sono state effettuate prove e controprove. I filamenti sono certificati e in questo periodo si stanno scrivendo i disciplinari.

Avaro sta anche sperimentando un nuovo estrusore full metal che «ha la particolarità di rendere omogenee le stampate, per cui tutto viene estremamente robusto e coeso. È una sperimentazione che ci consentirà di avere a disposizione vere e proprie macchine da guerra».

Se vuoi rimanere sempre informato sulle novità della stampa 3D iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here